Serie A Deloitte Money League
(Foto: Emilio Andreoli/Getty Images)

Crolla l’Italia nell’edizione del 2023 della Football money League, pubblicata dallo Sports Business Group di Deloitte. Tra posizioni perse e club “assenti” rispetto al 2020/21, le società di Serie A fanno registrare dei passi indietro rispetto alla vecchia edizione del report, dominato dal Manchester City (e dai club della Premier League in generale).

Partendo dalle italiane presenti in classifica, la Juventus occupa attualmente l’11esima posizione con ricavi – secondo i conti di Deloitte – per poco più di 400 milioni di euro (433 milioni nel 2020/21). I bianconeri sono stati superati da Tottenham e Arsenal, che ora occupano rispettivamente il nono e il decimo posto.

Calano anche i ricavi per l’Inter, che passa dai quasi 331 milioni della stagione 2020/21 ai 308 milioni della stagione 2021/22. I nerazzurri rimangono però stabili in classifica, occupando la 14esima posizione. Chiude il Milan, unico club italiano in crescita sia in termini di ricavi – quasi 265 milioni contro i 216 del 2020/21 – e anche in termini di posizione in classifica: dal 19° al 16° posto.

Rispetto all’analisi sulla stagione 2020/21, la Serie A perde ben quattro rappresentanti nella Football Money League. Si passa infatti da sette a tre club su un totale di 30 analizzati. In particolare, escono dalla graduatoria altre società italiane quali: Roma, Atalanta, Napoli e Lazio. Nella passata stagione erano tutte presenti tra la 24esima e la 30esima posizione.

Se consideriamo la top 30, attualmente troviamo 16 club inglesi, che rappresentano l’80% di tutti i club della Premier League e che occupano più della metà della graduatoria. Il resto delle prime 30 squadre comprende cinque club della Liga, le tre della Serie A, altre tre della Bundesliga e uno della Ligue 1. Tutti questi partecipano alle competizioni UEFA per club nella stagione 2021/22.

SCOPRI TIMISION CALCIO E SPORT: DAZN CON LA SERIE A, INFINITY + CON LA UEFA CHAMPIONS LEAGUE E 6 MESI DI AMAZON PRIME PER I NUOVI ABBONATI. TUTTO A 24,99 EURO AL MESE.

PrecedenteDeloitte: Premier sempre più Superlega, tre italiane in top 20
SuccessivoJuve, la Procura FIGC chiederà riapertura e sanzioni per le plusvalenze