Sampdoria cessione Lazard
(Photo by Simone Arveda/Getty Images)

“Non ci dimettiamo, il senso di responsabilità ha sempre fatto sì che questo pensiero potesse passarci per la testa ma lo abbiamo sempre abbandonato. In futuro dovessero esserci delle cose che possano togliere la nostra autonomia e possibilità di lavorare allora ci penseremo, ma ad oggi non ci sono queste condizioni”. Lo ha dichiarato Marco Lanna presidente della Sampdoria assieme agli altri consiglieri del Cda, Panconi, Romei e Bosco, durante un incontro con i giornalisti prima della gara di Coppa Italia contro l’Ascoli.

“La situazione economica finanziaria non è rosea così come non lo era a gennaio quando siamo entrati – ha aggiunto Lanna -. La cessione è tutta in mano a Vidal e a banca Lazard. Il Cda non può decidere nulla, né rifiutare né accettare. Non possiamo fare nulla: siamo totalmente spettatori di questo evento”.

In merito alla cessione peraltro il vicepresidente e consigliere Antonio Romei ha poi voluto rispondere alle notizie di un possibile arrivo oggi di un anticipo per la cessione del club da parte del gruppo Al Thani. “Vidal ci ha detto di essere in contatto con intermediari e in attesa che arrivino le somme necessarie per poter passare alla fase esecutiva rispetto ad una trattativa che da tempo va avanti. L’ultimo contatto che abbiamo avuto è stato alle 14”.

Il Cda ha poi spiegato quanto accaduto lunedì scorso con l’arrivo a sorpresa di Ferrero allo stadio durante Sampdoria-Roma. “Posso assicurare che l’arrivo di Ferrero a Genova non ne era a conoscenza nessuno di noi del Cda e nessun dipendente di U.C. Sampdoria, questo ve lo posso garantire” ha detto il presidente Lanna mente il consigliere Bosco ha poi aggiunto che “Ferrero non aveva titolo di accesso emesso dalla Sampdoria. Sul resto ci sono accertamenti di livello superiore in questo momento riteniamo di non dare ulteriori dettagli”.

SCOPRI SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV. A PARTIRE DA 11,90 EURO AL MESE: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

PrecedentePolemica per la copertina sull’Italia dell’Economist (Exor)
SuccessivoIl Bayern e i club tedeschi contro la Superlega