Laporta Piquè situazione finanziaria
Joan Laporta (Photo by LLUIS GENE/AFP via Getty Images)

“L’eventuale eliminazione dalla Champions League avrà un impatto, ma non saranno 30 o 35 milioni. Devi continuare a cercare nuove sponsorizzazioni e continuare a competere in Europa, che porta anche ricavi. L’impatto netto sarà inferiore al previsto”. Lo ha detto il presidente del Barcellona Joan Laporta, intervistato da Barça Tv.

“Nella gara di mercoledì il pubblico è stato impressionante. Lo stadio era come nelle grandi serate di Champions League, si è tifato fino alla fine, è stata una partita molto mutevole e non avevamo programmato il secondo tempo, l’Inter è andata bene in contropiede, il pubblico ha superato diversi momenti di flessione. Il gol di testa di Lewandowski è di straordinaria estetica. Quando abbiamo visto l’arrivo della squadra, non potevamo perdere. Direi ai tifosi di continuare a crederci. Abbiamo un’ottima squadra che ha per darci gioia. Devono supportare Xavi, che noi lo daremo. La rimonta che abbiamo fatto mercoledì è stata merito dei tifosi. Siamo ancora vivi”, ha aggiunto.

“Quando penso alla partita penso a ringraziare i tifosi, sapevano quanto fosse difficile. Abbiamo tanti infortuni importanti. Sono triste e arrabbiato per non aver vinto, nonostante abbia segnato tre gol. Dobbiamo cambiare la nostra chip ora nella Liga, dobbiamo continuare a lottare per essere i primi. Abbiamo una rosa molto buona e giocatori che hanno generato grandi aspettative”.

“L’obiettivo prioritario era la Liga, la fase a gironi è diventata molto complicata, ma preferisco parlare quando è finita. Rimango con il supporto dei culé alla squadra. Dice che questo Barça è vivo e siamo molto emozionati. Dobbiamo vincere entrambe le partite. Non è una questione di speranza. Giocano prima e contro il Bayern sapremo se avremo una possibilità o meno. Ora dobbiamo concentrarci sulla Liga, non solo questa domenica. Abbiamo il Villarreal e l’Athletic”.

“Non mi aspettavo di essere così a questo punto. Da parte dello staff tecnico e dell’allenatore abbiamo fatto di tutto per essere competitivi, avevamo un gruppo completo ma contro il Bayern siamo riusciti a fare un buon risultato. L’arbitro del VAR non ha assegnato un rigore a Dembélé e a Milano è stato scandaloso. L’arbitrato non ci è piaciuto, è ovvio, ma se avessimo segnato sarebbe stato più facile. Ho fatto la reazione che dovevo fare, parlando con la UEFA, ma non puoi tornare indietro. La prossima volta dovremo segnare più gol”.

“Il logo di Drake nel Clasico? Spotify ha il diritto di cambiare la sponsorizzazione tre volte l’anno, sempre nel rispetto del club. A partire dal 17 ottobre l’app sarà rilasciata in catalano. È apparso questo aspetto dirompente, con il simbolo del Drake. Sono rimasto sorpreso dal numero di 500 miliardi di visualizzazioni. Questo cantante è un riferimento ed è famosissimo. Ci sarà un impatto globale”.

“Il Clásico è sempre molto importante, perché chi vince esce più forte e chi perde esce colpito. Abbiamo un sistema di gioco migliore, riconoscendo che il Real è sempre in lotta fino alla fine. Spero che il nostro sistema di gioco prevalga, spero che lo sarà come l’anno scorso. Speriamo di essere in testa alla fine della partita. Servirà anche per vedere la capacità di reazione della squadra. Stiamo già recuperando alcuni infortunati. Sembra che Koundé sarà disponibile. Quando inciampiamo, la cosa più importante è alzarsi. Puntiamo alla Liga. Abbiamo tempo per recuperare, se mi avessi intervistato ieri non sarei venuto di buon umore”, ha concluso.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteEuropei Under 21, martedì il sorteggio: Italia in seconda fascia
SuccessivoIl Real Madrid rinnova con Emirates fino al 2026: le cifre