(Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Tutte le partite della Premier League tra l’8 e il 16 ottobre saranno dedicate a No Room For Racism, poiché la Lega inglese e i club vogliono sottolineare il loro continuo impegno nella lotta alla discriminazione e nella promozione dell’uguaglianza, della diversità e dell’inclusione.

I giocatori torneranno ad inginocchiarsi prima del calcio d’inizio di tutte le 20 partite in programma in questo periodo per mostrare la loro unità contro ogni forma di razzismo.

I giocatori, con poche eccezioni, si sono inginocchiati prima dell’inizio di ogni partita delle ultime due stagioni per protestare contro la discriminazione in seguito all’omicidio di George Floyd per mano della polizia statunitense nel maggio 2020. Ad agosto i calciatori della Premier League hanno deciso di smettere di inginocchiarsi prima di ogni gara e di sfruttare momenti specifici durante la stagione per amplificare il messaggio che il razzismo non ha posto nel calcio o nella società.

I giocatori si sono inginocchiati durante la partita di apertura del campionato, lo faranno per le partite dedicate a “No Room for Racism” a ottobre e marzo, le partite del Boxing Day, le prime dopo i Mondiali in Qatar, le partite dell’ultima giornata e le finali della FA Cup e della EFL Cup.

Nel febbraio 2021, la Premier League ha lanciato il suo Piano d’azione No Room For Racism , che delinea una serie di impegni e obiettivi per promuovere l’uguaglianza e l’inclusione. Per supportare ulteriormente l’istruzione e promuovere l’importanza di essere un alleato in questa lotta, i giocatori della Premier League stanno visitando le scuole per vedere come le risorse educative di No Room For Racism vengono utilizzate per ispirare l’apprendimento e incoraggiare la discussione sul tema.

L’amministratore delegato della Premier League, Richard Masters, ha dichiarato: “Combattere il razzismo e tutte le forme di discriminazione è sempre una priorità per la Premier League e i nostri club. Esortiamo tutti a fare la propria parte e dimostrare che il pregiudizio razziale non è accettabile nel calcio o nella società in generale. Sosteniamo la decisione presa dai giocatori di inginocchiarsi in momenti specifici della stagione e utilizzeremo queste partite per promuovere ulteriormente l’antidiscriminazione ed educare i tifosi”.

“Continuiamo a lavorare sodo per affrontare la discriminazione e migliorare le opportunità all’interno del gioco, in linea con il nostro piano d’azione No Room For Racism. Sappiamo che si può fare di più per rimuovere le barriere per rendere il calcio più inclusivo e che il calcio trarrà vantaggio da una maggiore diversità in tutte le aree dello sport”, ha concluso Masters.

SCOPRI SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV. A PARTIRE DA 11,90 EURO AL MESE: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

PrecedenteLa classifica dei ricavi da sponsor tecnico: Real top, balzo Arsenal
SuccessivoPopolarità dei casinò non AAMS in Italia