Juventus stipendi dirigenti
Da sinistra, Agnelli, Nedved, Arrivabene e Cherubini (Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

La Juventus prevede un bilancio per l’esercizio 2022/23 “in sensibile miglioramento” rispetto ai conti approvati ieri dal CdA del club con un rosso di 254,3 milioni di euro. È quanto specificato dalla società bianconera nella nota con cui ha presentato i dati economici al 30 giugno 2022.

“Il risultato economico e il cash-flow operativo dell’esercizio 2022/2023 – pur influenzati dal contesto economico, finanziario e politico non favorevole – sono previsti in sensibile miglioramento rispetto a quelli dell’esercizio 2021/2022, ancora penalizzato in misura significativa dagli effetti diretti e indiretti della pandemia da Covid-19”, spiega la Juventus.


“Il miglioramento atteso – non tale, al momento, da far prevedere il raggiungimento del break-even già dall’esercizio in corso – deriva anche dalle incisive azioni di sviluppo dei ricavi e di razionalizzazione dei costi impostate a partire dall’esercizio 2020/2021 e aventi efficacia nel medio periodo”. 

“Come di consueto, l’andamento economico, patrimoniale e finanziario dell’esercizio in corso sarà influenzato dall’andamento dei risultati sportivi – in particolare modo, della UEFA Champions League – e dalla seconda fase della Campagna Trasferimenti 2022/2023”.

Il contenimento dei costi, legato all’obiettivo di raggiungere l’equilibrio economico-finanziario, è tra i punti al centro del nuovo Piano Triennale 2023-2025 approvato dal Cda della Juventus lo scorso 14 giugno. “Il Piano – spiega il club bianconero – delinea le linee strategiche e operative per la gestione e lo sviluppo del Gruppo ed è stato definito tenendo conto dei seguenti principali obiettivi:

  • mantenimento della competitività sportiva;
  • equilibrio economico e finanziario di medio-lungo periodo;
  • eccellenza nelle operations, con incremento della visibilità del brand Juventus nei mercati internazionali;
  • rafforzata integrazione dei temi ESG nel business model;
  • ruolo attivo nel processo di riforma e di evoluzione sostenibile e inclusiva della sport industry.

“Il Piano – che si basa su assumptions di performance sportive coerenti con la media storica e con i piani precedenti conferma sostanzialmente gli obiettivi economico-finanziari contenuti nell’ultima revisione del Piano precedente, completata a settembre 2021”, ha aggiunto la Juventus.

Tra i dati resi noti legati all’esercizio 2022/23, la Juventus ha sottolineato di aver registrato plusvalenze nette generate dalle cessioni pari a 33,8 milioni di euro, mentre la “Campagna Abbonamenti 2022/2023 si è conclusa con n. 20.200 abbonamenti stagionali, per un ricavo netto di € 22,9 milioni, inclusi i Premium Seats e i servizi aggiuntivi. Tali dati, in leggera diminuzione rispetto alle ultime campagne abbonamenti delle stagioni pre-pandemia, derivano anche dalla scelta della Società di non mettere in vendita ulteriori abbonamenti, aumentando così la disponibilità di biglietti per le singole partite di Campionato”, conclude la società bianconera.

SCOPRI SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV. A PARTIRE DA 11,90 EURO AL MESE: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

PrecedenteInter, Zanetti: «Fiducia a Inzaghi. Dybala? Preso Lukaku»
SuccessivoArmenia-Ucraina in streaming gratis? Guarda la partita in diretta