Perchè il Barcellona cambia stadio
Camp Nou (Photo by David Ramos/Getty Images)

Il Barcellona ha annunciato con un comunicato ufficiale che lascerà il Camp Nou per la stagione 2023/24 mentre lo stadio si sottoporrà alle opere di riqualificazione parte del progetto Espai Barça. Il club catalano giocherà le sue partite allo stadio Olimpico di Barcellona, ​​il Lluís Companys, mentre saranno realizzati i lavori.

I piani per la ristrutturazione del Camp Nou sono stati approvati dai soci del Barcellona a dicembre e il club ha ricevuto una licenza dall’amministrazione locale per realizzare il progetto, che dovrebbe costare 1,5 miliardi di euro (circa 1,3 miliardi di sterline) e i cui lavori prenderanno il via nel mese di giugno.

I piani per l’impianto e l’area circostante porteranno ad un aumento della capienza del Camp Nou a 105.000 posti e richiederanno quattro anni per essere completati. I tifosi del Barcellona potranno ancora assistere alle partite allo stadio nella prossima, ma saranno costretti a spostarsi a Montjuic per quella successiva. Il club ha dichiarato che tornerà al Camp Nou nella stagione 2024/25 con una capienza di circa il 50%, mentre i lavori dovrebbero essere completati durante la stagione 2025/26.

Lo stadio Olimpico di Barcellona è stato costruito nel 1927 ed è stato ristrutturato nel 1989 prima delle Olimpiadi di Barcellona del 1992. In precedenza, la struttura è stata la casa dei rivali cittadini del​​l’Espanyol, per 12 anni, dal 1997 al 2009, e ha anche ospitato diverse finali di Copa del Rey. L’impianto può ospitare oltre 60.000 tifosi.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteKlopp rinnova con il Liverpool: accordo fino al 2026
SuccessivoFinale Coppa Italia, i dettagli sui biglietti di Juve-Inter