Pallone d’Oro nuove regole
Il Pallone d'oro (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Pallone d’Oro nuove regole – Il Pallone d’Oro cambia pelle. Nessuna rivoluzione epocale, ma a partire dalla prossima edizione del trofeo saranno introdotte alcune novità che cambieranno il sistema di assegnazione di uno dei premi più discussi in ambito calcistico, spesso oggetto di critiche. Su tutte, il fatto che risulti difficile percepire in maniera chiara le valutazioni che portano alla scelta di un giocatore in luogo di un altro.

«A volte bloccato in alcune abitudini un po’ superate, il Pallone d’Oro propone un piccolo restyling e piccole trasformazioni per rimanere perfettamente connesso alle esigenze, alle specificità e agli sviluppi del calcio contemporaneo. Le quattro novità di seguito dettagliate, che avverranno a partire dalla prossima edizione, intendono consolidare le condizioni ei principi di un’elezione di cui trasparenza e correttezza restano i pilastri», spiega il quotidiano francese L’Equipe, prima di elencare le novità.

Pallone d’Oro nuove regole – Un calendario più coerente

Poiché il premio è stato originariamente progettato per celebrare il miglior giocatore dell’anno, da allora non è avvenuto alcun cambiamento a questo livello. Il Pallone d’Oro celebra il più forte da gennaio a dicembre, il che obbliga, di fatto, a giudicare e valutare due mezze stagioni – gennaio-luglio e agosto-dicembre (a volte accompagnate da cambi di maglia in estate) – anzichè una stagione nella sua totalità e continuità.

Procedendo con un leggero slittamento temporale, con un abbandono del ritmo del calendario e un allineamento del Pallone d’Oro (maschile e femminile) sulla classica stagionalità del calcio, si è deciso di definire meglio quali prestazioni vi siano da considerare e valutare. La prossima edizione terrà quindi conto dell’intera stagione 2021/22 che si concluderà con gli Europei Femminili (6-31 luglio 2022). La Coppa del Mondo in Qatar (21 novembre-18 dicembre 2022) sarà invece legata all’edizione 2023 del Pallone d’Oro.

Pallone d’Oro nuove regole – Liste più forti

Poiché il Pallone d’Oro inizia non appena vengono redatte le famose liste dei candidati (trenta per gli uomini, venti per le donne e dieci per i Trofei Yachine e Kopa), si è deciso di rafforzare questo passaggio fondamentale. Per presentare una selezione di candidati il più giusta, indiscutibile e pertinente possibile, si è deciso di cambiare il processo che, fino ad allora, ha coinvolto principalmente la rivista France Football. Alle liste dei giornalisti di FF (e de L’Equipe) si aggiungono ora quelle dell’ambasciatore per il Pallone d’Oro Didier Drogba (per quello maschile e i Trofei Yachine e Kopa) oltre a quella di chi si è mostrato più perspicace nell’edizione precedente.

Tra gli uomini, per la prossima edizione ci sarà il vietnamita Truong Anh Ngoc (The Thao & Van Hoa), che ha indovinato la top 5 esatta come il neozelandese Gordon Watson (OFC TV). Tra le donne, sarà la giurata ceca Karolina Hlavackova (Ruik), l’unica ad aver indovinato il podio, a consegnare le sue venti candidature. Da queste liste combinate saranno realizzate le liste ufficiali finali che verranno poi svelate a settembre.

Pallone d’Oro nuove regole – Un sistema di voto più esigente

Poiché il Pallone d’Oro è passato da sedici giurati europei (1956) a centosettanta (2021) sparsi in tutto il mondo, può vantare una indiscutibile universalità. Questo è ciò che contribuisce alla sua influenza e reputazione. Tuttavia, il giudizio è dieci volte migliore con dieci volte più giurati? Il gigantismo della giuria non potrebbe finire per indebolirla? L’apertura ai paesi “piccoli” (quelli che non hanno né una grande cultura calcistica né legittimità storica e non sempre un facile accesso alle immagini delle principali competizioni) non ha rischiato di volta in volta di colpire la votazione con mancanza di adeguate conoscenze o competenze? Si chiede L’Equipe.

Poiché non si tratta di abbandonare il principio democratico fondante, l’idea è quindi quella di limitare la giuria a una “élite”, a veri intenditori. Così, solo le rappresentative dei primi cento paesi del ranking FIFA (e cinquanta per le donne) saranno “ammesse” a votare. Un inasprimento che rafforza il livello di competenza e limita i (rari) casi di voti fantasiosi.

Pallone d’Oro nuove regole – Norme più chiare

Poiché le regole non si sono evolute molto dalla loro nascita e i criteri danno spesso luogo a dibattiti, è stato ritenuto opportuno aggiornare la gerarchia degli elementi costitutivi della votazione per una maggiore coerenza e chiarezza. Ed evitare qualsiasi ambiguità. Il Pallone d’Oro è un premio individuale. Inoltre, logicamente, il criterio numero 1 si concentrerà principalmente sulla prestazione individuale e sul carattere deciso e dei contendenti.

Poiché il calcio rimane nonostante tutto uno sport collettivo, il criterio numero 2 si concentrerà sulle prestazioni collettive e sui premi accumulati durante la stagione. Infine, il criterio numero 3 riguarderà la classe del giocatore e il suo senso del fair play. Perché anche dare l’esempio conta. I più attenti avranno notato la scomparsa del criterio “carriera del giocatore”. Un modo per considerare la corsa al Pallone d’Oro come una competizione aperta a tutti.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteDe Laurentiis: «Casini figura di rilievo, può dar svolta a Serie A»
SuccessivoNiente Italia, Martinelli convocato dal Brasile di Tite