Dove si trova Arnhem
(Image credit: Depositphotos)

Dove si trova Arnhem? Arnhem è una città dei Paesi Bassi di 159.265 abitanti, sul Basso Reno, capoluogo della provincia della Gheldria. Forma con la vicina Nimega una conurbazione di 736.100 abitanti. E’ la città che – a livello calcistico – ospita il Vitesse, club che milita nella massima serie calcistica olandese, la Eredivisie, campionato che però non ha mai vinto.

Dove si trova Arnhem? La storia della città

Arnhem – si legge su Wikipedia – viene menzionata per la prima volta nell’893 come Arnoldi Villa. Nel 1233 al villaggio, che sino ad allora apparteneva all’abbazia di Prum furono conferiti i diritti civici da Otto II, conte di Gheldria, che vi si insediò e la fortificò. Arnhem entrò nella Lega anseatica nel 1443. Nel 1473 fu conquistata da Carlo il Temerario, duca di Borgogna. Nel 1514 Carlo di Egmond, duca di Gheldria, la liberò dal dominio spagnolo; nel 1543 ricadde nei domini dell’imperatore Carlo V. Entrò nell’Unione di Utrecht nel 1579, divenendo parte infine delle Province Unite nel 1585.

I francesi occuparono la città nel 1672-1674 e smantellarono le sue fortificazioni; la Sabelspoort (porta delle sciabole) è oggi l’unica parte rimanente delle fortificazioni medievali. Nel 1795-1813 fu rioccupata dalla Francia in quegli anni Rivoluzionaria e Imperiale. Il 30 novembre 1813 Arnhem fu liberata dai francesi con una battaglia che vide le truppe del generale prussiano Friedrich Wilhelm von Bülow sconfiggere e cacciare dalla città le truppe napoleoniche al comando del generale francese Henri Charpentier.

Dove si trova Arnhem? I punti di interesse

Questi sono i principali luoghi di interesse della città olandese:

  • La Grote Kerk (Sant’Eusebio), costruita fra il 1452 e il 1560, durante la seconda guerra mondiale perse il suo campanile, che fu ricostruito in stile moderno nel 1964;
  • La Chiesa di Sant’ Eusebio;
  • Il palazzo di Maarten van Rossum è il municipio dal 1830: le decorazioni rinascimentali con satiri le hanno fatto guadagnare il nome di Duivelshuis (“casa del diavolo”);
  • Il John Frost Brug è un ponte ricostruito dopo la guerra sullo stesso sito di quello teatro dell’operazione Market Garden, andato distrutto nel conflitto;
  • Il Nederlands Openluchtmuseum è un museo all’aperto che ospita antiche abitazioni, fattorie e fabbriche provenienti da diverse zone dei Paesi Bassi;
  • Burgers Zoo;
  • KEMA Toren, torre della televisione alta 140 metri;
  • Il Gelredome, lo stadio cittadino ha una capienza di circa 30.000 posti e può essere coperto integralmente mentre il campo da gioco è ritraibile e può essere fatto scomparire quando ad esempio vengono ospitati concerti oppure il festival di musica hardstyle “Qlimax”.

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteL’UEFA apre procedimento contro Al-Khelaifi e il PSG
SuccessivoLa FIGC chiede a Speranza il 100% allo stadio per playoff