Lo yacht Nord di Alexey Mordashov (foto Lürssen)

Valgono esattamente 140 milioni i beni che l’Italia sta sequestrando agli oligarchi russi per dar seguito alle ritorsioni internazionali contro la guerra in Ucraina seguendo così i passi di altri paesi europei. “Sono in corso di adozione provvedimenti di congelamento sul territorio italiano di beni mobili e immobili appartenenti a soggetti russi presenti nelle liste dei regolamenti europei – spiega il Ministero dell’Economia – per circa 140 milioni di euro. Una prima operazione è stata già perfezionata e riguarda un’imbarcazione del valore di 65 milioni di euro. Altri provvedimenti sono in corso di adozione”.

Tra gli altri, la Guardia di Finanza ha ‘congelato’ nel porto di Imperia il maxi yacht “Lady M”, imbarcazione di 65 metri dell’oligarca russo Alexei Mordashov (presidente di Severstal). Il nome di Mordashov è nella black list dell’Ue. Stessa sorte per Villa Lazzareschi (valore 3 mln euro) in provincia di Lucca, riconducibile a Oleg Savchenko e potrebbe toccare anche al “Lena”, panfilo di 52 metri (vale 50 milioni di dollari), ormeggiato a Sanremo, appartenente a Gennady Timchenko, proprietario di Volga Group, e amico di Putin.

L’elenco dei beni sequestrati:

  • la villa secentesca di Oleg Savchenko, nota come “Villa Lazzareschi”, in provincia di Lucca, del valore di circa 3 milioni di euro;
  • immobili situati nella provincia di Como, del valore di circa 8 milioni di euro, appartenenti a Vladimir Roudolfovitch Soloviev;
  • lo yacht “Lena”, localizzato nel porto di Sanremo, del valore di circa 50 milioni di euro, riconducibile a Gennady Nikolayevich Timchenko;
  • lo yact “Lady M”, di Alexey Alexandrovits Mordaschov, localizzato nel porto di Imperia, del valore di circa 65 milioni di euro;
  • il compendio immobiliare di Golfo del Pevero, ad Arzachena (Sassari), del valore di circa 17 milioni di euro, di proprietà di Alisher Usmanov.

Stanno quindi partendo anche in Italia i primi sequestri agli oligarchi russi che, notoriamente, hanno nel nostro paese moltissimi interessi ‘mobili ed immobili’. In tutto le persone colpite dalle sanzioni europee sono 680 e 26 sono i ‘super ricchi’ russi. Nei giorni scorsi sequestri di mega yacht, fra le altre misure, sono stati effettuati in Francia e Germania.

Ad occuparsene è stato il Ministero dell’Economia e delle Finanze che proprio per questo ha riunito il comitato di sicurezza finanziaria. E a strettissimo giro è infatti arrivata anche la richiesta della Uif di Bankitalia a banche e operatori finanziari di comunicare “non appena possibile” le “misure di congelamento di fondi e risorse economiche” dei soggetti russi colpiti dalle sanzioni europee.

Il Csf, fondato nel 2001 e presieduto dal Direttore Generale del Tesoro, è composto da rappresentanti del Mef, dell’Interno, della Giustizia, degli Affari Esteri, della Banca d’Italia, della Consob, dell’Isvap, dell’Unità di informazione finanziaria, della GdF, della Dia, dei Carabinieri e della Direzione nazionale antimafia.

“Il Comitato – spiega il Mef – ha condotto una ricognizione delle misure di congelamento di fondi, risorse economiche mobili e immobili, sinora adottate nei confronti delle persone ed entità russe individuate nelle liste allegate ai suddetti regolamenti, e degli scambi informativi in corso”. Quindi ora: “Il Comitato continuerà a garantire il massimo raccordo delle iniziative e azioni amministrative e investigative necessarie ad assicurare l’efficacia delle sanzioni”. Un’attività comunque non semplice anche perchè molti oligarchi russi hanno già attuato contromosse (ad esempio vendendo in anticipo le partecipazioni) ed in alcuni casi possono contare sul doppio passaporto concesso da Malta o Cipro negli anni scorsi per attrarre capitali.

Ma ora la ‘macchina’ si è messa in moto. Le ‘contromosse’ italiane sono anche altre: il ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti ha infatti dato l’ok alla task force che si dovrà occupare dei contraccolpi per le imprese che operano direttamente in Russia e Ucraina. Mentre Sace annuncia la sospensione temporanea della “valutazione dell’assunzione di nuovi rischi per l’attività di export credit in Russia e in Bielorussia”. “L’Occidente – ha minacciato Joe Biden nel suo discorso sullo stato dell’Unione – sequestrerà gli yacht, gli appartamenti lussuosi e i jet privati degli oligarchi russi”. E in Italia si procede.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteSerie A, Inter-Salernitana in streaming: dove vedere la gara in diretta
SuccessivoF1, il team Haas licenzia il pilota russo Mazepin