(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Su Dazn “abbiamo considerato l’impatto negativo ma non abbiamo incluso ulteriori migliorie che potrebbero scaturire da una rinegoziazione”. Lo ha spiegato l’amministratore delegato di Tim Pietro Labriola, intervenuto nel corso della conference call con gli analisti sui conti del 2021 e sul nuovo piano industriale di Tim.

“Quello che succederà è che nei prossimi tre anni lavoreremo sul business dei media, non siamo pienamente soddisfatti dal modo in cui stiamo mettendo a terra questa strategia.
Non stanno contribuendo dal punto di vista del valore, da quello dell’ebitda e quindi possiamo cercare di migliorare la marginalità anche da questa linea di business”, ha aggiunto.

Sul tema calcio, all’inizio “le ambizioni erano ottimistiche, tuttavia una serie di problematiche hanno rallentato l’intera iniziativa e trasformato le opportunità in un freno per l’Ebitda. Le questioni chiave sono più spettatori per abbonamento e la pirateria che ha ridotto drasticamente la dimensione del mercato”.

Secondo Labriola “Dazn avrebbe dovuto fermare la pirateria ma non lo ha fatto e quindi siamo in fase di negoziazione con loro. In secondo luogo il ritardo nel piano dei voucher ha causato un effetto domino sul mercato, aumentando la pressione competitiva facendo scendere la crescita delle linee e i prezzi previsti”, ha concluso l’ad di Tim.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteCeferin: “no” ai posti tramite ranking storico per la nuova Champions
SuccessivoIdea FIFA: riaprire il mercato per i giocatori di club russi