Manager più pagati Piazza Affari
John Elkann (copyright: Giorgio Perottino / Insidefoto)

Exor, la holding della famiglia Agnelli-Elkann azionista di maggioranza tra le altre di Stellantis, Juventus e Ferrari, ha comunicato di aver raggiunto un accordo transattivo con l’Agenzia delle Entrate per il trasferimento della sede della holding in Olanda. “Exor N.V. comunica di aver definito in data odierna con l’Agenzia delle Entrate una complessa contestazione in materia fiscale, con particolare riferimento all’Exit Tax”, si legge in una nota di Exor. 

“La contestazione riguarda la società di diritto italiano Exor S.p.A., che nel dicembre del 2016 si era fusa con la sua controllata olandese Exor Holding N.V. dando origine all’odierna Exor. In occasione della fusione transfrontaliera la società uscente Exor S.p.A. aveva applicato il regime di participation exemption (PEX) di cui all’Art. 87 del Testo Unico delle imposte sui redditi. In base a questo regime, le plusvalenze sul valore di tali partecipazioni erano state esentate e dunque escluse dal reddito imponibile ai fini della determinazione della Exit Tax nella misura del 95% del loro ammontare”.

“Con il successivo “Principio di Diritto numero 10/2021”, emesso l’11 maggio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha asserito l’inapplicabilità della PEX nei casi in cui una holding trasferisca la sua residenza fiscale all’estero senza mantenere una stabile organizzazione in Italia”.

“Per effetto del Principio di diritto pubblicato nel 2021, è sorta una complessa questione interpretativa riguardante l’applicazione della normativa PEX sui fatti del 2016. Exor resta convinta di aver operato secondo le regole. Tuttavia, al fine di evitare tempi e costi di un rilevante contenzioso fiscale, la Società ha deciso di sottoscrivere un accordo transattivo con l’Agenzia delle Entrate, che comporta il pagamento di €746 milioni, di cui €104 milioni per interessi. La sottoscrizione dell’accordo non comporta né può essere interpretata come un’accettazione – né tantomeno una condivisione, neppure parziale – delle tesi sostenute a posteriori dall’Agenzia delle Entrate”.

“Exor evidenzia che in relazione alla contestazione in materia di PEX non è stata irrogata alcuna sanzione da parte dell’Agenzia delle Entrate. L’effetto di tale accordo transattivo, il cui pagamento è stato interamente corrisposto in data odierna, si rifletterà sul bilancio 2021 della Società, per quanto di competenza. Non sussistono ulteriori questioni fiscali pendenti in capo a Exor in relazione agli anni in cui essa ha avuto la residenza fiscale in Italia, per i quali risultano inoltre scaduti gli ordinari termini di accertamento”, conclude Exor nella nota.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteNon solo Serie A: gli investitori USA mettono nel mirino anche il Brasile
SuccessivoIl TAS cancella per doping l’argento UK nella 4×100 a Tokyo

1 COMMENTO

Comments are closed.