Zhang lettera Suning
Zhang Jindong (Photo STR/AFP/Getty Images)

Attraverso una lunga lettera, Zhang Jindong ha voluto rassicurare tutti i dipendenti di Suning circa i segnali di ripresa dopo la crisi che ha messo in difficoltà il colosso cinese. Il presidente del gruppo, in occasione del 31esimo anniversario di Suning, ha inviato una lettera pubblicata da finance.sina.com.cn e riportata da FC Inter 1908.

«Nell’ultimo anno, a causa di una serie di fattori interni ed esterni, l’azienda ha affrontato sfide senza precedenti, tuttavia, in molti dipendenti abbiamo visto lo spirito di invertire le avversità e il gruppo ha cercato di fare del suo meglio per risolvere il problema. Attualmente, con il sostegno e l’aiuto del governo, con i nostri continui sforzi, il problema del debito del gruppo è stato stabilizzato gradualmente e anche le operazioni di Tesco stanno riprendendo in modo ordinato», si legge nel testo della lettera.

«Non importa quanto sia lunga la strada – prosegue ancora il documento –, ci sarà una fine, e non importa quanto sia lunga la notte, ci sarà una fine. Dobbiamo sempre guardare avanti con ferma fiducia ed essere onesti con noi stessi. Non esiste un inverno eterno. Dopo 30 anni di sviluppo, Suning è diventata un’impresa con un patrimonio importante».

«Negli ultimi 31 anni, gruppi di persone […] hanno promosso lo sviluppo e la crescita di Suning passo dopo passo e hanno trasformato Suning in un’impresa socializzata con gratitudine. Nello sviluppo futuro, dovremo inevitabilmente affrontare difficoltà e sfide più gravi, ma finché non dimenticheremo le nostre aspirazioni originali, rafforzeremo la nostra fiducia e manterremo sempre lo spirito laborioso delle persone di Suning, saremo sicuramente in grado di rivedere l’alba», si chiude il testo a firma Zhang Jindong.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi

PrecedenteL’Asl su Juventus-Napoli: «Situazione da monitorare»
SuccessivoSamp, Lanna presidente: ora la cessione del club