Berlusconi tifo Inter
Massimo Moratti e Silvio Berlusconi (Insidefoto.com)

“Come si è evoluto il calcio negli ultimi 35 anni? Allora era possibile per una famiglia farsi carico di una squadra di calcio, che si identificava anche con una città. Oggi il grande calcio è un affare che riguarda la finanza internazionale, i grandi protagonisti sono petrolieri arabi, magnati russi, fondi d’investimento americani. Tutto legittimo, ma lontano dal territorio, dall’appartenenza, dalla passione sportiva. D’altra parte è un processo inevitabile, viste le cifre in gioco”. Lo dice Silvio Berlusconi, numero uno di Fininvest, ex patron del Milan e oggi proprietario del Monza, in un’intervista per i 35 anni di MF – Milano Finanza al direttore Roberto Sommella.

“Mediaset? Si va sempre più internazionalizzando, nella prospettiva della creazione di quel gruppo televisivo europeo che da sempre è nei nostri sogni e che oggi è un’assoluta necessità, per avere la massa critica e la dimensione necessaria per competere con i grandi player della produzione audiovisiva”, ha aggiunto Berlusconi parlando della tv del Biscione.

”Crisi del settore editoriale? Ma io non credo che la crisi sia inevitabile. Bisogna che le grandi testate giornalistiche sappiano darsi un ruolo diverso dal passato quando erano la sola fonte di diffusione delle notizie. Oggi, a fronte dell’incontrollato e disordinato bombardamento di informazioni, il compito della stampa è dare un significato, un filo conduttore e un vaglio critico alle notizie. Metterle per così dire “in ordine”, senza naturalmente imporre la propria verità, ma fornendo ai lettori gli strumenti per fare scelte consapevoli”.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI