Borussia Dortmund Bayern Monaco in streaming
Esultanza dei giocatori del Bayern Monaco (Photo Imago/Insidefoto)

Il Bayern Monaco, attraverso le parole del suo presidente, si schiera contro le nuove regole di controllo economico pensate dall’Uefa per il Fair Play Finanziario.

Come spiegato a Calcio e Finanza nei giorni scorsi, la Uefa in particolare sta pensando a un sistema di tetto salariale, con una “luxury tax” per chi dovesse superare la quota prefissata.

Il criterio di calcolo dovrebbe essere il medesimo:

  • Salari e stipendi (esclusa la parte variabile) di 25 giocatori inseriti nella lista UEFA da parte di ciascun club + Salario e stipendio del coach + Ammortamenti dei diritti pluriennali dei 25 calciatori + Costi per gli agenti riferiti al medesimi calciatori

diviso per

  • Ricavi caratteristici (escluse le plusvalenze) + Saldo della campagna lorda di trasferimenti.

Qualora un club dovesse sforare il limite verrà prevista la cosiddetta Luxury tax, ossia al club verrà trattenuta una porzione di premi spettanti sulla base di fasce ancora da definire. Si sta studiando quale aliquota applicare per omogeneizzare l’effetto fiscale tra le 55 federazioni appartenenti alla UEFA.

Mosse che, tuttavia, non sembrano piacere al Bayern Monaco. “Il fair play finanziario è stata una buona idea, ma le eccezioni sono state fatte troppo rapidamente”, ha detto Hainer in una intervista a Kicker. “Qui il lavoro deve essere svolto in modo più rigoroso e devono essere apportati miglioramenti. Luxury tax? Non sono affatto convinto di questa tassa sul lusso. Per una concorrenza leale, servono regole valide con conseguenze evidenti. Troppo spesso in passato i delicati tentativi di sanzione venivano rivisti o attenuati. Non può funzionare così”.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI