Dazn offerte calcio
Foto: Jonathan Moscrop/Sportimage

Dopo l’assegnazione a Dazn dei diritti tv del massimo campionato italiano di calcio per il ciclo 2021-2024, «siamo al corrente che qualcuno teme che possa esserci qualche impatto sulla tenuta delle reti in relazione al momento dell’inizio del campionato».

Prole di Filippo Arena, segretario generale dell’Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), che – scrive MF Dow Jones – ha parlato in una audizione presso la commissione tlc alla Camera.

«L’Agcom (L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni), rispetto alla copertura delle reti, è il soggetto competente. Per quanto riguarda il nostro profilo sono atti che stiamo seguendo da vicino, mi scuso ma non posso in questa sede dire granchè, anzi nulla, se non che è una questione che l’Autorità ha ben presente», ha aggiunto.

«In tempi idonei rispetto all’avvio del campionato di calcio», se l’Autorità «riterrà necessario, adotterà le iniziative affinchè il campionato, che rappresenta un patrimonio un po’ di tutta la popolazione italiana, possa essere goduto secondo condizioni eque e non discriminatorie e non vessatorie per chiunque», ha proseguito Arena.

In merito a indiscrezioni di stampa circa un tavolo tecnico a cui avrebbero partecipato alcuni operatori alternativi a Dazn e gestito dalla Direzione Reti e Servizi di  Comunicazione Elettronica dell’Agcom per esaminare il tema della tenuta delle reti Internet, Arena ha assicurato che «presso di noi non è stato convocato alcun tavolo, ma è stato convocato presso l’Agcom».

«L’attribuzione dei diritti calcistici è stata svolta secondo quel modello che è previsto dalla Legge Melandri per l’attribuzione dei diritti televisivi, ha vinto Dazn e ora a valle ci sono stati un’altra serie di accordi e un’altra serie di iniziative», monitorati dall’autorità, ha concluso.

GUARDA EURO 2020 IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE