Pronostici Euro 2020
(Foto: Kirsty O Connor via Onefootball)

Grande attesa per il calcio d’inizio di Euro 2020, prima edizione itinerante della competizione. Ma alla luce delle difficoltà e dei dubbi, espressi senza possibilità di equivoci dalle dichiarazioni e perplessità di Ceferin, con ogni probabilità sarà anche l’ultima.

L’idea era certamente suggestiva: celebrare l’anniversario della nascita del torneo con un format che abbracciasse il maggior numero di Paesi e città possibili, senza che un singolo governo si facesse carico da solo dei costi dell’organizzazione. La realtà dei fatti, invece, potrebbe risultare molto più complessa del previsto, come la UEFA stessa ha già avuto modo di constatare, sotto diversi punti di vista. Primo tra tutti quello degli spostamenti.

Euro 2020, quanto viaggeranno le squadre

Considerando al momento soltanto la fase a gironi, alcune Nazionali dovranno affrontare vere e proprie odissee, nel giro di pochissimi giorni. Si prenda l’esempio della Polonia. Inserita nel Gruppo E con Spagna, Svezia e Slovacchia, la Nazionale di Lewandowski e compagni debutterà il 14 giugno a San Pietroburgo contro la Slovacchia, per poi fare le valigie e volare a Siviglia per giocare il 19 contro la Spagna, salvo poi tornare il 23 a San Pietroburgo per l’ultima sfida contro la Svezia.

Quasi 9.000 km di volo in nove giorni, cinque ore di aereo ogni spostamento (sempre che si riesca a organizzare un volo diretto). All’inizio avrebbe dovuto esserci Dublino al posto della città russa, ma la rinuncia da parte del governo irlandese ha portato a scegliere San Pietroburgo, dall’altra parte del continente, che già ospitava alcune partite del Gruppo B.

Non va certamente meglio alla Svizzera. Gli Elvetici, avversari di Italia, Turchia e Galles nel Gruppo A, debutteranno il 12 giugno a Baku contro il Galles, poi si sposteranno a Roma per giocare il 16 contro gli Azzurri, e di nuovo verso Baku per affrontare la Turchia il 20. Anche loro, quasi 9.000 km di spostamenti, più di 5 ore di volo ogni volta (anche qui, sempre che si possa effettuare un volo diretto), due ore di fuso orario tra una città e l’altra. Considerando, tra l’altro, che Baku è più vicina a Teheran e Baghdad di quanto non lo sia rispetto a qualsiasi altra città di Euro 2020.

Non sarà facile nemmeno per Slovacchia e Svezia, che dovranno spostarsi da Siviglia a San Pietroburgo una sola volta, o per Galles e Turchia, da Roma a Baku: si tratta sempre, in ogni caso, di distanze paragonabili a una trasferta da New York a Los Angeles. Soltanto Italia, Danimarca, Olanda, Inghilterra, Spagna e Germania potranno permettersi il lusso di non spostarsi da casa propria per disputare le partite.

Ecco una stima dei chilometri che ogni Nazionale dovrà percorrere per la sola fase a gironi:

  • Polonia: circa 9.000 km
  • Svizzera: 8.800 km
  • Svezia: 4.500 km
  • Slovacchia: 4.500 km
  • Austria: 4.500 km
  • Turchia: 4.400 km
  • Galles: 4.400 km
  • Belgio: 2.900 km
  • Ucraina: 2.100 km
  • Macedonia del Nord: 2.100 km
  • Russia: 1.400 km
  • Finlandia: 1.400 km
  • Portogallo: 1.300 km
  • Scozia: 1.300 km
  • Ungheria: 700 km
  • Francia: 700 km
  • Repubblica Ceca: 700 km
  • Croazia: 700 km
  • Germania: 0 km
  • Spagna: 0 km
  • Inghilterra: 0 km
  • Olanda: 0 km
  • Danimarca: 0 km
  • Italia: 0 km

In generale, le 24 Nazionali di Euro 2020 percorreranno in totale più di 50.000 km per la sola fase a gironi, 10.000 km in più della circonferenza della terra. E tutto questo senza considerare gli spostamenti dei tifosi, e senza neanche considerare le fasi a eliminazione diretta, soprattutto per quanto riguarda Svizzera, Turchia, Ucraina e Polonia.

SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY PER LA STAGIONE 2021/2022. CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER AVERE TUTTE LE INFO SU CALCIO, SPORT E INTRATTENIMENTO