Di Lorenzo stipendio Napoli
Qual è lo stipendio di Di Lorenzo? (copyright: Giuseppe Maffia/via Onefootball)

Qual è lo stipendio di Giovanni Di Lorenzo? Il terzino toscano, classe 1993, sarà tra i protagonisti azzurri di Euro 2020, che si è conquistato grazie a due buone stagioni con la maglia del Napoli. La carriera di Di Lorenzo, in ogni caso, è la prova di come il lavoro e la pazienza possano portare a grandi risultati.

Cresciuto calcisticamente tra la Lucchese e la Reggina, il difensore esordisce nel 2010 in Serie B proprio con i calabresi, anche se la sua prima vera stagione la realizza tra le fila del Cuneo nel 2012/13 nell’allora Prima Divisione. L’anno successivo torna alla Reggina, in Serie B, ma non riesce ad evitare la retrocessione in Serie C, dove gioca anche la stagione successiva.

Di Lorenzo stipendio, dal Matera alla Champions

Di Lorenzo rimane nella terza serie anche tra il 2015 e il 2017, lungo due stagioni nelle quali colleziona 59 presenze (con 4 gol) indossando la divisa del Matera. Le ottime prestazioni gli valgono l’occasione del ritorno in Serie B, con l’Empoli, squadra con la raggiunge la promozione in Serie A.

La stagione di debutto del terzino in Serie A è sensazionale. Il lucchese chiude con 37 presenze e ben 5 gol, quasi tutti nella seconda parte della stagione, nella quale l’Empoli sfiora l’impresa della clamorosa salvezza all’ultima giornata. I numeri e le prestazioni gli consentono quindi l’ulteriore salto di qualità nella sua carriera, con la firma per il Napoli nel 2019, che gli garantisce inoltre il debutto in Champions League.

Di Lorenzo stipendio Napoli – Quanto guadagna il terzino

Al Napoli, Giovanni Di Lorenzo guadagna 2,3 milioni di euro netti a stagione. Il suo stipendio si posiziona attorno alla mediana della rosa 2020/21 del Napoli, venendo pagato poco più di Politano e poco meno di Mario Rui.

Le prestazioni di Di Lorenzo, oltre che l’approdo al Napoli, gli hanno garantito la convocazione in Nazionale maggiore. Il terzino partenopeo aveva già militato nell’Under-21, nel lontano 2013, per poi uscire dai radar delle varie selezioni fino all’arrivo di Roberto Mancini.

GUARDA EURO 2020 IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE