UEFA finanziamento
(Foto Maurice van Steen, via Onefootball)

La campagna UEFA Cleaner Air, Better Game segnerà la European Green Week 2021 organizzando un seminario virtuale su clima e ambiente lunedì 7 giugno per esplorare come il calcio può ispirare più persone ad agire per salvare il pianeta.

Il presidente UEFA Aleksander Čeferin e il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Frans Timmermans, prenderanno parte all’evento, che sarà trasmesso in diretta dalle 10:00 alle 11:00 CET.

Tra gli altri partecipanti figurano il direttore per il calcio e la responsabilità sociale della UEFA, Michele Uva, Lučka Kajfež Bogataj, la climatologa slovena vincitrice del premio Nobel, l’ex calciatore professionista e attivista ambientale Mathieu Flamini e Lindita Xhaferi-Salihu, responsabile dello sport per l’azione per il clima presso le Nazioni Unite Convenzione quadro sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

Il workshop Cleaner Air, Better Game rappresenta il culmine di una campagna lanciata dalla UEFA a marzo per aumentare la consapevolezza sull’inquinamento atmosferico durante le finali del Campionato Europeo UEFA Under 21, ospitate da Ungheria e Slovenia dal 24 al 31 marzo (fase a gironi) e da Dal 31 maggio al 6 giugno (fase a eliminazione diretta).

“È sbalorditivo che una morte su otto in Europa sia legata all’inquinamento atmosferico. Eppure, quanti di noi si rendono conto della portata del problema? Circa 90 milioni di persone giocano a calcio in Europa, rendendoci una delle più grandi ‘comunità’ al mondo ”, ha detto Michele Uva, annunciando mercoledì il workshop.

“Speriamo che Cleaner Air, Better Game possa informare questa grande comunità di un pericolo reale e presente nelle nostre vite e dimostrare che ci sono azioni semplici che possiamo intraprendere tutti insieme per prevenire, ridurre al minimo o rimediare all’impatto dell’inquinamento atmosferico”.

La campagna è partner ufficiale della European Green Week, un evento annuale che mette in evidenza le iniziative che contribuiscono all’obiettivo 2050 del Green Deal dell’Unione europea: un’economia con emissioni nette di gas serra pari a zero. L’edizione 2021, che sarà dal 31 maggio al 4 giugno, vedrà una serie di attività organizzate da partner e associati in tutta Europa, tra cui il workshop Cleaner Air, Better Games.

La UEFA ha accettato di utilizzare in modo proattivo la visibilità globale del calcio per evidenziare gli obiettivi del Green Deal sottoscrivendo il Patto europeo per il clima lo scorso dicembre.

“Stiamo ancora imparando come il calcio può usare la sua influenza per sostenere l’azione per il clima, nonché adattarsi per ridurre il proprio impatto ambientale. La campagna Cleaner Air, Better Game rappresenta i primi passi di questo viaggio”, ha aggiunto Michele Uva.

Gli sforzi del calcio per contribuire a elevare il profilo della Settimana verde europea 2021 sono iniziati presto. Il capitano della Germania, vincitore della Coppa del Mondo 2014 Philipp Lahm, e la sua connazionale Célia Šašić, due volte vincitrice degli Europei, si sono uniti alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen alla conferenza di apertura online dell’evento. Entrambe le ex stelle si sono impegnate a garantire che EURO 2024, che sarà ospitato dalla Germania, serva da forza trainante per lo sviluppo sostenibile.

 

Le azioni guidate da Cleaner Air, Better Game durante le fasi a gironi e a eliminazione diretta dei Campionati Europei Under 21, includono:

  • garantire una competizione a emissioni zero
  • dare a tutti i soggetti coinvolti, dai giocatori ai tifosi, la possibilità di ridurre le emissioni personali impegnandosi in semplici cambiamenti nello stile di vita sulla piattaforma UEFA.Count Us In
  • aumentare la consapevolezza europea della minaccia dell’inquinamento atmosferico per la salute e lo sport globali
  • aiutare la Slovenia e l’Ungheria a lasciare un’eredità positiva per gli sforzi futuri per combattere l’inquinamento atmosferico; ad esempio, piantando alberi per intrappolare l’inquinamento da carbonio, fornendo biciclette per incoraggiare le persone a pedalare piuttosto che guidare le auto durante la competizione.

Il mese scorso, la UEFA ha sottolineato la sua determinazione a sfruttare l’influenza del calcio per affrontare questioni globali chiave, in particolare l’ambiente e i diritti umani, aggiungendo un nuovo pilastro della responsabilità alla sua strategia generale per il calcio europeo.

Le imminenti finali di EURO 2020 sono destinate a essere una delle finali più rispettose dell’ambiente di sempre. Da tempo la UEFA compensa tutti i voli prenotati per il personale, i delegati, gli ufficiali di gara e altri, mentre tutti gli stadi ricicleranno e riutilizzeranno i rifiuti. La maggior parte delle città ospitanti offrirà il trasporto pubblico gratuito ai possessori di biglietto, ai volontari, ai media e allo staff UEFA, oltre a incoraggiare i tifosi a raggiungere a piedi lo stadio.

L’eredità sostenibile della competizione durerà ben oltre il torneo. Il programma di assistenza HatTrick della UEFA, che convoglia le entrate dell’EURO in progetti di sviluppo del calcio, finanzierà iniziative sociali e ambientali gestite da tutte le 55 federazioni nazionali europee. Attualmente, le federazioni affiliate alla UEFA possono richiedere fino a 100.000 euro all’anno per iniziative ambientali locali.

“Per EURO 2020, stiamo compensando le emissioni di carbonio, ma l’obiettivo è ridurre significativamente il livello di emissioni legato ai nostri eventi”, ha detto Michele Uva. “Riconosciamo che la UEFA non può passare da 100 a zero dall’oggi al domani, ma vorremmo raggiungere EURO 2024 in Germania dotati di un pacchetto completo di azioni di best practice per eventi calcistici più sostenibili. Ciò costituirà un’eredità per tutte le future competizioni UEFA”.

SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY PER LA STAGIONE 2021/2022. CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER AVERE TUTTE LE INFO SU CALCIO, SPORT E INTRATTENIMENTO