Cairo multa Blackstone
Urbano Cairo (Foto Antonietta Baldassarre / Insidefoto)

Il patron del Torino Urbano Cairo ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine del vertice sulla Superlega e i fondi che si è tenuto oggi tra i club di Serie A. «E’ stato un incontro positivo, in cui si sono chiarite delle posizioni. È sempre positivo parlarsi», ha esordito.

A una domanda a proposito delle sue parole s Agnelli, Cairo ha risposto: «Non parliamo di cose personali, è stato un incontro che ha riguardato tutti. Non c’erano degli imputati, era un modo per riaprire un dialogo di Lega, è importante ci sia dialogo perché bisogna pensare al calcio del futuro».

A proposito di Superlega, per Cairo il «tema vero sarà cosa faranno FIGC e UEFA, quello che conta è pensare a come sviluppare il calcio italiano e le riforme che servono. FIGC e UEFA daranno regole precise per partecipare ai campionati».

Su un ipotetico passo indietro della Juventus: «Non mi sembra, non ne ho visti ma non era questa la sede, se lo deve fare lo fa in maniera pubblica. Decideranno loro, hanno fatto sabato un comunicato in cui dicevano cose diverse, starà a loro. Marotta dice Superlega archiviata? L’Inter mi sembra abbia fatto un passo indietro insieme ad altre squadre, non credo che la possano fare in tre».

Poi, a proposito dell’ipotesi di una Serie A senza Juve: «Credo sia giusto che il campionato vada avanti con tutte squadre che hanno diritto a partecipare e quelle che lo rendono interessante. Però deve essere fatto tutelando i valori del campionato, quindi non progettando nulla che vada contro il campionato».

Infine, il patron del Torino ha raccontato che i club sono tornati a parlare dei fondi: «Sì, anche di quello, si tratta di riprendere in mano le cose nel modo giusto, in maniera intelligente, valorizzando al meglio il nostro campionato e poi vedendo se c’è la possibilità di arrivare ad un accordo».

GUARDA IL GRANDE SPORT DI SKY IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE