(foto Manchester City)

Il Manchester City si aggiudica un altro trofeo. Ma questa volta non sul campo, bensì attraverso un’asta segreta tenutasi lo scorso 29 settembre a Londra. La notizia, divenuta pubblica solo ora, è di quelle che fanno venire i brividi agli amanti del calcio.

Sul banco del battitore, c’era infatti il trofeo della FA Cup più antico ancora in circolazione. Si tratta di quello utilizzato per premiare la squadra vincitrice del torneo tra il 1896 e il 1910.

Un pezzo unico nella storia del calcio, che dopo aver corso il rischio di finire chissà dove, resta invece in Inghilterra. “È un tesoro nazionale”, aveva detto il banditore della casa d’aste Bonhams di Londra.

Il proprietario di Abu Dhabi del Manchester City, lo sceicco Mansour Bin Zayed Al Nayhan, non ha resistito, aggiudicandoselo per 759.052 sterline. Ora lo invierà direttamente in prestito al National Football Museum, con sede a Manchester.

Il presidente di Etihad, Khaldoon al Mubarak, ha dichiarato: “Questa Coppa è un ricordo visibile della ricca e lunga storia del calcio inglese a cui il Manchester City è indissolubilmente legato. Vincere questo vero trofeo nel 1904 è stato un punto di svolta per il club e per la città di Manchester in quanto ha cementato saldamente il calcio nel cuore della sua comunità. Il punto di vista dello sceicco Mansour è che un trofeo di tale importanza culturale deve essere condiviso con la gente di Manchester, la famiglia del calcio inglese e tutti coloro che amano il nostro gioco”.

Attraverso un post pubblicato sul suo profilo ufficiale Twitter, il Manchester City ha espresso grande soddisfazione per l’operazione. “Siamo felicissimi di annunciare che da ora custodiamo con orgoglio la FA Cup degli anni dal 1896 al 1910”.