Zona rossa fino al 15 gennaio
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte (Photo Pool Stefano Carofei Insidefoto)

Zona rossa fino al 15 gennaio? L’Italia è tornata in zona arancione, ma solo per un giorno (il 4 gennaio). Domani e per l’Epifania (martedì 5 e mercoledì 6 gennaio) tornerà infatti la zona rossa. La vera incognita riguarda però ciò che accadrà al termine del calendario stabilito dal decreto legge del Natale.

Zona rossa fino al 15 gennaio? – Cosa succede dopo l’Epifania

Quali regole varranno dal 7 gennaio? Le norme varranno in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale o sono previste differenziazioni territoriali? Le date crocevia sono al momento due: giovedì 7 gennaio e venerdì 15 gennaio. Assodato parrebbe essere l’arrivo imminente di una nuova stretta su tutto il Paese.

Il governo sperava che, terminate le feste, si potesse tornare alla situazione di metà dicembre (con un’Italia praticamente tutta gialla). La curva epidemiologica, però, preoccupa non solo il Cts, ma anche lo stesso esecutivo. In giornata è previsto un ulteriore vertice di governo in vista del nuovo provvedimento.

Che sia nuovo Dpcm o decreto, o addirittura una semplice ordinanza ponte di Speranza, la misura che arriverà entro il 7 gennaio porterà con sè nuove restrizioni. O più semplicemente un allungamento di quelle vissute durante le feste. Magari con qualche limatura. Si lavora intensamente per chiudere a breve la misura, che sarà in vigore fino al 15 gennaio, data di scadenza dell’ultimo Dpcm.

Non si esclude che il provvedimento possa essere firmato anche entro stasera. Una soluzione, quella del provvedimento-ponte, che è stata avanzata ieri al tavolo della maggioranza per porre rimedio ad un vacuum normativo conseguente al fatto che l’ultimo Dpcm varato dal governo scade il 15 gennaio, mentre dal 7 gennaio viene meno l’efficacia del decreto Natale.

Visto l’andamento dei contagi e l’allarme lanciato per sei regioni (Lombardia compresa) dai dati dell’indice Rt, il governo sembra quindi intenzionato a dare una nuova stretta. Le conclusioni saranno tratte nel corso di un nuovo incontro di oggi. Per quanto concerne il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio è emersa l’ipotesi di un provvedimento-ponte.

Zona rossa fino al 15 gennaio? Le ipotesi più accreditate

Le proposte in campo al momento sarebbero due:

  • quella – al momento più accreditata – di mantenere in vigore le misure vigenti fino al 15 gennaio (arancione nei giorni feriali e rosso nel weekend), data di scadenza dell’ultimo Dpcm;
  • tornare in zona gialla per il 7 e 8 gennaio, per poi passare alle misure della fascia arancione il weekend del 9 e 10.

Successivamente, in entrambi i casi, sarebbe prevista l’assegnazione delle regioni alle fasce di colore sulla base dei dati del monitoraggio. Decisivo sarà il nuovo Report dell’Istituto Superiore di Sanità, previsto tra giovedì e venerdì prossimo.  Oggi, intanto, potrebbe essere la giornata decisiva per capire definitivamente cosa cambia dal 7 gennaio.