Dirigenti Juventus
Fabio Paratici e Andrea Agnelli (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Dirigenti Juventus – L’Assemblea ordinaria degli Azionisti di Juventus Football Club S.p.A. che si è riunita oggi, a Torino, sotto la Presidenza di Andrea Agnelli, ha deliberato un importante risvolto nella struttura organizzativa del club.

La Juventus ha infatti comunicato inoltre di aver adottato – nell’ambito del processo di revisione del modello operativo e organizzativo avviato nel mese di maggio 2020 che proseguirà nei prossimi mesi – una nuova struttura organizzativa che prevede la concentrazione delle proprie attività in due macro-strutture: l’Area Football e l’Area Business.

Il coordinamento di ciascuna area viene affidato ad un managing director a diretto riporto dell’Executive Chairman, Andrea Agnelli: Fabio Paratici, per l’Area Football, e Stefano Bertola, per l’Area Business. Giorgio Ricci continuerà a ricoprire la carica di Chief Revenue Officer; Stefano Bertola mantiene la carica pro- tempore di Chief Financial Officer nonché l’incarico di Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari, ai sensi dell’art. 154-bis del TUF.

Mentre Federico Cherubini assume la carica di Football Director a diretto riporto di Fabio Paratici, che mantiene la responsabilità diretta della Prima Squadra.

Dirigenti Juventus, come cambia l’organigramma

Si forma quindi un vertice a tre al vertice della società bianconera con Agnelli come figura apicale e Paratici e Bertola come massimi responsabili per quel che riguarda l’area sportiva e quella finanziaria rispettivamente. In precedenza invece Agnelli era sempre la figura apicale con Paratici (reponsabile dell’area sportiva), l’ex cfo Marco Re e il chief revenue officer Giorgio Ricci sulla stessa linea del management.

Al fine di ridurre al minimo i rischi connessi all’emergenza sanitaria in corso legata al diffondersi del virus da Covid-19, l’intervento degli aventi diritto al voto in Assemblea è avvenuto esclusivamente tramite il rappresentante designato, senza partecipazione fisica da parte dei soci.

L’Assemblea ha approvato il bilancio dell’esercizio al 30 giugno 2020, che si è chiuso con una perdita pari a € 89,7 milioni (perdita di € 39,9 milioni nell’esercizio 2018/2019), coperta mediante utilizzo dalla riserva da sovrapprezzo azioni.

L’Assemblea ha, inoltre, approvato la Sezione I e si è espressa in senso favorevole sulla Sezione II della “Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti”.

Da ultimo, l’Assemblea – tenuto conto della scadenza dell’incarico di revisione legale affidato a EY S.p.A. in concomitanza con l’approvazione del bilancio d’esercizio al 30 giugno 2021 – ha deliberato, sulla base della raccomandazione del collegio sindacale, il conferimento a Deloitte & Touche S.p.A. dell’incarico di revisione legale dei conti di Juventus Football Club S.p.A. per tre esercizi, ossia per gli esercizi sociali che si chiuderanno dal 30 giugno 2022 al 30 giugno 2024 ovvero per la maggior durata prevista dalla disciplina applicabile.

Juve, gli stipendi dei dirigenti: Paratici il più pagato

1 COMMENTO

  1. Agnelli ha reso la Juventus la squadra, che non vince la Champions da 25 anni,la squadra top in Europa con la media età più alta da 4 anni, la squadra top europea con i più bassi ricavi da stadio, diritti tv, sponsor e merchandising , con che coraggio non si è ancora dimesso dalla Juve visto che il cugino incompetente più di lui non lo caccia?