Leeds Manchester City streaming
I giocatori del Manchester City (Foto PHC/Insidefoto)

Spesa rose club europei 2020 – Il 308esimo report settimanale del CIES Football Observatory presenta l’analisi sugli investimenti annuali per costruire le rose dei club dei cinque principali campionati europei, considerando i cartellini dei giocatori.

Per quanto riguarda il 2019, il Manchester City si conferma al vertice con una spesa stimata di 1.036 miliardi di euro, in crescita di 22 milioni rispetto al dato del 2018, quando i Citizens alllenati da Pep Guardiola, sono divenuti il primo club nella storia ad investire più di un miliardo di euro per costruire la propria squadra.

Al secondo posto, come nel 2018, si piazza il Paris Sant Germain con investimenti stimati di 888 milioni di euro, in calo di 25 milioni rispetto al 2018. Al terzo posto invece salgono i cugini-rivali del City: il Manchester United con un aumneto degli investimenti di 93 milioni, porta il totale a 844 milioni di euro, scavalcando così il Real Madrid.

I campioni della Liga sono stati superati anche dal Chelsea (5°, 763 milioni di euro) che ha fatto registrare il maggiore aumento con un incremento di 198 milioni di euro. Abramovich è stato il re del mercato estivo 2020 spendendo più di 250 milioni di euro per rinforzare la rosa a disposizione di Franck Lampard. Per la prima volta dal 1980 i Galacticos non hanno effettuato investimenti sul mercato e il totale degli investimnti dei blancos è sceso a 708 milioni di euro, 194 milioni in meno dello scorso anno.

Oltre a Paris St-Germain e Real Madrid, sono solamente tre le squadre non inglesi presenti tra le prime 12 in classifica: il Barcellona è quarto con 826 milioni di euro spesi; la Juventus è ottava con investimenti stimati pari a 594 milioni di euro; infine un’altra spagnola, l’Atlético Madrid che si piazza all’undicesimo posto con spese per 483 milioni di euro. Questo dato conferma la supremazia finanziaria della Premier League. Nessuna squadra di questa competizione ha investito meno di 100 milioni di euro per ingaggiare i suoi giocatori attuali.

Completano la top 10: i campioni della Premier League del Liverpool (7°, 666 milioni di euro); l’Arsenal vincitore dell’ultima FA Cup (9°, 590 milioni di euro ); l’attuale capolista del campionato inglese, l’Everton di Carlo Ancelotti (10°, 504 milioni di euro).

I campioni d’Europa del Bayern Monaco sono solamente 15esimi, primo club della Bundesliga, con 408 milioni di euro investiti secondo le stime. Il Siviglia, vincitore dell’ultima Europa League, ha speso invece 230 milioni di euro.

Per quanto riguarda le altre squadre della Serie A, il Napoli è tredicesimo con 467 milioni spesi sul mercato, l’Inter appena un gradino più in basso con 439 milioni investiti. Poi Roma e Milan rispettivamente 19esima con 303 milioni di euro e 24esimo con 255 milioni di euro. Al 38esimo posto la Lazio con 160 milioni, solo 2 milioni in più rispetto alla Fiorentina (41esima con 158 milioni di euro). Le rose costate meno sono quelle delle due neopromosse Spezia e Crotone, che hanno investito entrambe 12 milioni di euro.

La spesa media nel campionato italiano per costruire le attuali rose è di 171,4 milioni di euro. La più alta è chiaramente in Premier League, dove gli investimenti medi sono pari a 382,6 milioni di euro. Nella Liga si spendono in media 158,6 milioni di euro; se si escludono le tre big (Barça, Real e Atletico), la spesa media scende a 68 milioni di euro. In Bundesliga e Ligue gli investimenti medi sono rispettivamente di 134  e 166 milioni di euro. In Francia senza considerare il PSG la spesa media scende a 128 milioni di euro.