(Photo by Gareth Copley/Getty Images)

Mike Ashley e il Newcastle United hanno incaricato due legali nella loro lotta con la Premier League per la mancata acquisizione del club da parte del Fondo Sovrano dell’Arabia Saudita. Ashley crede di avere forti argomenti contro la Premier, ritenuta responsabile del naufragio dell’operazione.

Stando al Times, questa mattina, Shaheed Fatima e Nick De Marco sono stati incaricati di agire per conto di Ashley e del club «in una disputa con la Premier League sul suo rifiuto di un’offerta pubblica di acquisto da parte di PCP Capital Partners, Reuben Brothers e il Public Investment Fund dell’Arabia Saudita (PIF) a seguito dei test su proprietari e amministratori».

La Premier League la scorsa settimana ha negato di aver imposto un blocco all’acquisizione, guidata da Amanda Staveley. «L’affermazione del club secondo cui la Premier League ha rifiutato l’acquisizione non è corretta», si legge in un comunicato.

«Siamo delusi e sorpresi dalla dichiarazione del Newcastle United in merito alla sua potenziale acquisizione da parte di PCP/Reubens/PIF. Il consiglio di amministrazione della Premier League ha, in diverse occasioni, espresso la sua opinione su quali entità ritiene avrebbero il controllo sul club se il consorzio dovesse procedere con l’acquisizione», ha aggiunto la Premier.

La trattativa che avrebbe dovuto portare a una cessione, che è diventata pubblica ad aprile, è stata molto discussa a causa del tema della pirateria (che ha coinvolto la Premier League in Arabia con l’emittente beoutQ) e in relazione al fatto che Mohammed bin Salman sia nel consiglio di amministrazione del Public Investment Fund.

De Marco, uno dei legali che ora rappresenta il Newcastle e Ashley, ha dichiarato in un’intervista a maggio che non c’era motivo per cui l’acquisizione proposta dovesse fallire.

«A meno che non ci sia un legame chiaro ed evidente tra un individuo e un reato e tale individuo sia stato condannato in qualche tribunale o tribunale, è molto difficile vedere come potrebbero fallire il test. In questa fase, dato ciò che è di dominio pubblico, non riesco a vedere un percorso ovvio per un rifiuto, anche se molte persone potrebbero desiderare che ciò accada», aveva dichiarato.