LONDON, ENGLAND - OCTOBER 27: No room for racism displayed on the big screen during the Premier League match between Arsenal FC and Crystal Palace at Emirates Stadium on October 27, 2019 in London, United Kingdom. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

La Premier League prende posizione nella lotta al razzismo. I giocatori del massimo torneo calcistico inglese di tutti i 20 club hanno rilasciato la seguente dichiarazione in vista della ripresa del campionato:

«Noi, i giocatori, siamo uniti nell’obiettivo di sradicare il pregiudizio razziale ovunque esso esista, per realizzare una società globale di inclusione, rispetto e pari opportunità per tutti, indipendentemente dal colore o dal credo. Questo simbolo è un segno di unità da tutti i giocatori, tutto lo staff, tutti i club, tutti gli ufficiali di gara e la Premier League. #blacklivesmatter #player».

La Premier League – si legge nella nota – si affianca a giocatori, squadre, FA, EFL, PFA, LMA, PGMOL e tutti coloro che si oppongono alla discriminazione in qualsiasi forma. Per questo motivo il torneo sostiene l’idea dei calciatori di sostituire i loro nomi con la scritta Black Lives Matter sul retro delle magliette per le prime 12 partite della ripresa nella stagione 2019/20.

Il logo Black Lives Matter apparirà inoltre sulle divise da gioco per il resto della stagione, insieme a un badge che ringrazia l’NHS per il lavoro svolto durante la l’emergenza Coronavirus. Inoltre, la Premier League supporterà i giocatori che si inginocchieranno prima o durante le partite.