Roma divisa allenamento 2020-2021
Esultanza dei giocatori della Roma (Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)

I calciatori della Roma potrebbero essere i prossimi a trovare un accordo per il taglio degli stipendi. Stando a “La Gazzetta dello Sport”, i giocatori avrebbero stabilito una piattaforma per andare incontro alla società, che attraversa un momento difficile dal punto di vista economico.

Nello specifico, la proposta dei calciatori è quella di rinunciare al 60% della mensilità di marzo e di spalmare quelle di aprile, maggio e giugno nei successivi anni di contratto restanti. Il faccia a faccia (virtuale) con la dirigenza in questa chiave ci sarà a brevissimo, e ai vertici di Trigoria sono convinti che l’accordo si troverà senza problemi, perché hanno la convinzione che tutti i calciatori siano partecipi dello sforzo della Roma.

In questo senso, l’impressione è che sia possibile che alla fine gli atleti possano fare un ulteriore sacrificio e mettere sul piatto l’intera mensilità di marzo. Più complesso sarà il discorso relativo alle spalmature, che vedranno la necessità di riformulare i contratti, alcuni dei quali potrebbero essere rimodulati e spalmati, anche attraverso bonus.

Entro questo mese arriverà anche il completamento della ricapitalizzazione da parte di James Pallotta. Dopo i primi 87 milioni, altri 10 li ha già versati nei giorni scorsi. Ora la dirigenza ne attende circa 45 entro la fine di aprile.

Come tutte le società, la Roma ha problemi di liquidità, ed in questo senso è possibile che – qualora la stagione non riprendesse – a maggio i circa duecento dipendenti potrebbero essere messi in cassa integrazione, anche se si sta studiando d’integrare le eventuali decurtazioni di reddito anche grazie al taglio degli stipendi dei calciatori.