Lega Serie A (foto calcioefinanza.it)

Il tema degli stipendi dei calciatori è stato quello trattato più a lungo nel corso dell’assemblea della Lega Serie A che si è svolta nel pomeriggio. Lo riporta l’Ansa.

Dopo un paio d’ore di riunione in conference call, a quanto si apprende, non è emersa una linea definita. L’intenzione sarebbe quella di portare avanti il dialogo con l’Assocalciatori, che nei giorni scorsi ha respinto la proposta della sospensione dei pagamenti per quattro mesi mettendo sul tavolo un congelamento di un mese solo. Non sono emerse novità sulla possibile ripresa dei campionati.

Sul tema stipendi, oggi è intervenuto il vicepresidente dell’Aic Umberto Calcagno, intervistato dal Corriere dello Sport. “C’è troppa demagogia sugli stipendi dei calciatori, da parte di tutti. Noi calciatori facciamo la nostra parte, ma tocca anche agli altri soggetti del sistema calcio che è attivato a questa emergenza con i conti non in ordine Questa crisi deve essere l’occasione per riequilibrare il sistema e riformarlo”.

“Noi siamo in contatto con tutti i rappresentanti all’interno delle squadre” – ha proseguito – “e sappiamo bene che un accordo quadro valido per tutte le società non può essere raggiunto. Ci sono tante realtà differenti, all’interno della stessa Serie A, poi in B e in Lega Pro, che forse è quella più omogenea”.

 

2 COMMENTI

  1. Prima rimborsare i tifosi (stadio e pay tv) poi se resta qualcosa che se lo spartiscano società e giocatori.
    Non mi sembra difficile scremare l’ingaggio deducendo le partite saltate.

    Ad ogni modo, lo sanno vero che anche l’anno prossimo probabilmente non si farà una stagione completa?

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here