Vieri spot Coronavirus
(Marco Bertorello/ Insidefoto)

La storica vittoria nell’andata degli ottavi di finale contro il Valencia, è sicuramente frutto della capacità e della visione di una dirigenza particolarmente lungimirante che fa del settore giovanile, il suo punto di forza maggiore.

La capacità dell’Atalanta di far crescere e debuttare giovani giocatori è sempre stata una caratteristica fondamentale della società. Sicuramente il vivaio di Zingonia è uno dei migliori d’Europa, nel corso degli anni è riuscito a sfornare molti giovani talenti italiani e no.

Oltre alle particolari doti di gestione dei giovani da Bergamo sono passati numerosi talenti sia italiani che stranieri che hanno scaldato i cuori dei tifosi della Dea.

Vogliamo qui proporre una Top 11 Atalanta dei giocatori che hanno militato nell’Atalanta, andando a formare una fantomatica squadra ideale nerazzurra nel corso degli anni. Il 3-4-3 potrebbe essere il modulo ideale per far giocare questo Dream Team atalantino.

Portiere dell’Atalanta

Massimo Taibi

Massimo Taibi, nato a Palermo dove possiede anche una scuola calcio, è stato il portiere dei nerazzurri di Bergamo dalla stagione 2001/2002 al 2004/2005. Ha subito 165 goal tra Serie A, Serie B e Coppa Italia. Oltre ad aver difeso la porta atalantina per 4 stagioni ha vestito anche le maglie di Milan, Manchester United e Torino. Attualmente è il direttore sportivo della Reggina.

Difensori storici Atalanta

Antonio Cabrini

L’ex terzino della Juventus e campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982, ha giocato solo una stagione tra le file della Dea. Le eccellenti prestazioni nei bergamaschi gli permisero di essere acquistato dai bianconeri. Nella Vecchia Signora giocò per 14 anni imponendosi come uno dei terzini più forti al mondo.

Gaetano Scirea

Prima di diventare una bandiera della Juventus e della nazionale italiana, Gaetano Scirea si fece conoscere nel mondo calcistico tra le file dell’Atalanta. Dopo gli anni delle giovanili con la Dea (1967 – 1972), l’ex difensore di Cernusco sul Naviglio collezionò 70 presenze in due stagioni tra Serie A e Serie B.

Massimo Carrera

Massimo Carrera ha giocato con l’Atalanta dalla stagione 1995-1996 alla 2002-2003 totalizzando 242 presenze con i nerazzurri di Bergamo. Passò all’Atalanta dopo 5 anni alla Juventus. In poco tempo riuscì a diventare il capitano della Dea diventando una bandiera della squadra.

Dopo l’esperienza a Bergamo, passò al Napoli e chiuse la carriera alla Pro Vercelli. Oggi ricopre il ruolo dell’allenatore.

Centrocampo dell’Atalanta

Roberto Donadoni

Roberto Donadoni dopo solo un anno di giovanili nella squadra bergamasca passò in prima squadra. Ha militato nell’Atalanta per 5 stagioni, dal 1981-1982 al 1985-1986, ottenendo 125 presenze e reti tra Serie A, Serie B, Serie C1 e Coppa Italia. Passato al Milan vestirà la maglia rossonera per 12 stagioni. L’intelligenza tattica, la tecnica individuale, la corsa, il dribling e il tiro dalla distanza hanno incantato i tifosi sia dell’Atalanta che del Milan. Terminata la carriera da calciatore si è imbattuto in quella da allenatore con Livorno, Napoli, Parma e Bologna oltre che C.T. della Nazionale italiana.

Domenico Morfeo

Il trequartista di Pescina, entra nel settore giovanile dell’Atalanta all’età di 14 anni. Il 19 dicembre del 1993 debutta in Serie A all’età di 17 anni collezionando 9 presenze e 3 reti. A fine stagione però la squadra retrocede in Serie B. Nella stagione successiva con 18 presenze e 3 reti riuscì a contribuire alla promozione dell’Atalanta in Serie A. Domenico Morfeo nell’ultima stagione a Bergamo (1995-1997) Morfeo si confermò con 26 reti e 5 reti. Nel periodo bergamasco, Morfeo si afferma anche nella nazionale Under-21 con 20 presenze e 9 goal. Dopo l’Atalanta Morfeo iniziò un lungo pellegrinaggio. Domenico Morfeo giocò anche per Fiorentina, Milan, Cagliari, Verona, Inter, Parma, Brescia e Cremonese. Si ritira definitivamente dal calcio giocato nel 2011

Glenn Stromberg

L’Atalanta nel 1984 acquistò Glenn Stromberg. Il centrocampista svedese passato anche da Göteborg e Benfica rimase a Bergamo fino al 1992, giocando con la Dea 219 partita e segnando 18 reti tra Serie A e Serie B. Con la Nazionale svedese conta diverse presenze, partecipando anche ai Mondiali del 1990 in Italia.

Giacomo Bonaventura

Giacomo Bonaventura può essere considerato uno dei migliori talenti usciti dal settore giovanile bergamasco. Con i nerazzurri ha totalizzato 135 presenze tra Serie A, Serie B e Coppa Italia realizzando 24 goal. Oltre ai numeri, a convincere sono state proprio prestazioni con la Dea dal 2010 al 2014 del giovane di San Severino Marche che gli sono valse una chiamata da parte del Milan.

Attaccanti storici Atalanta

Filippo Inzaghi

Filippo Inzaghi, non poteva mancare in questa classifica. La stagione 1996-1997 è il suo trampolino di lancio. Con i bergamaschi segna 24 reti in 33 presenze, permettendogli di vincere la classifica marcatori in Serie A. Alla fine di quella stagione passò alla Juventus e successivamente al Milan con cui vinse per 2 volte la Champions League. Filippo Inzaghi è sitato anche Campione del Mondo con la Nazionale italiana nel 2006.

Cristian Vieri

Bobo Vieri gioca per la Dea in più occasioni. Nel suo lungo pellegrinaggio l’attaccante di Bologna ha giocato per 12 squadre differenti, Torino, Pisa, Ravenna, Venezia, Atalanta, Juventus, Atlético Madrid, Lazio, Inter, Milan, Monaco, Fiorentina. Con la Dea nel 1995-1996 gioca 26 partite segnando 9 goal. Ritorna all’Atalanta nella stagione 2006-2007, debutta nuovamente con i nerazzurri di Bergamo il 17 aprile del 2007 contro l’Empoli dove gioca solamente 20 minuti. Per il primo goal del ritorno bisogna aspettare la partita contro in Siena vinta per 3 a 1, Bobo Vieri segna con un tiro da 40 metri. Finisce la sua seconda esperienza atalantina con 7 presenze e 2 reti. Dopo una parentesi a Firenze, torna per la terza volta a Bergamo nonostante il parere negativo dei tifosi atalantini. La terza esperienza di Vieri però non è positiva a causa dei continui infortuni. In una stagione totalizza solo 9 presenze con 2 reti. Il primo aprile 2009 rescinde il contratto con i bergamaschi.

Claudio Paul Caniggia

Claudio Paul Caniggia è un attaccante argentino cresciuto calcisticamente nel River Plate con cui esordisce nel 1985-1986 e gioca fino al trasferimento al Verona nel 1988. Con gli scaligeri disputa 21 partite in Serie A. L’anno successivo si trasferisce all’Atalanta dove vive delle stagioni brillanti in nerazzurro. Nelle 3 stagioni di permanenza all’Atalanta colleziona 85 presenze e 26 goal in Serie A con 2 partecipazioni alla Coppa Uefa. Nel 1992 passa alla Roma, ma la sua esperienza non è particolarmente positiva, colleziona solamente 15 presenze e 4 goal. Nel 1999 torna all’Atalanta in Serie B, purtroppo non riesce a ripetere le prestazioni di 10 anni prima e dopo 17 partite e 1 solo goal viene ceduto agli scozzesi del Dundee FC.