conferenza spalletti vigilia Inter-Juventus
Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter (Foto: Image Sport / Insidefoto)

Luciano Spalletti rifiutò la buonuscita offerta dall’Inter, che lo avrebbe liberato consentendogli così di accettare le proposte del Milan: lo precisa l’Inter dopo che il tecnico aveva detto che il club nerazzurro aveva preferito tenerlo sotto contratto anche da esonerato. In riferimento alle dichiarazioni rilasciate ieri da Spalletti, l’Inter, interpellata dall’ANSA, fa sapere che “oltre al compenso maturato dal Signor Spalletti, la Società aveva proposto un’ulteriore offerta economica come incentivo all’esodo, che non è’ stata accolta dall’allenatore”.

Il tecnico toscano ieri aveva attaccato: «Non ho detto no al Milan, la versione reale è che io avendo due anni di contratto non li ho lasciati entrambi. È stato deciso di lasciarmi a casa pagandomi ed io sto a casa», le sue parole. Secondo le indiscrezioni, al momento del contatto col Milan Spalletti aveva richiesto, come buonuscita, il pagamento dei restanti 9 mesi di stipendio relativi alla stagione 2019/20: l’Inter, dal canto suo, avrebbe offerto circa un milione di euro.

«Non possono essere svelati i dettagli, ma è stato deciso che io stessi a casa e quindi sono a casa. Se fosse dipeso da me non avrei mai smesso di fare l’allenatore. Qualche tempo fa mi ha contattato il Milan ma non ho certo rifiutato io le loro proposte – ha aggiunto Spalletti a margine della IX edizione della “Notte del Campioni dello Sport Italiano – Gran Galà del Calcio” a Castellamare di Stabia -. C’ è stato qualcuno che ha preferito continuare a pagarmi per restare a casa e la cosa non può che farmi piacere. Ci sono stati dei ragionamenti dove poi il finale è stato questo qui. Si prende atto delle conclusioni a cui si è arrivati».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO