Kobe Bryant si dà al venture capital: investirà in startup con un fondo da 100 mln di dollari
Kobe Bryant (Foto Giovanni Minozzi / Insidefoto)

La star della Nba Kobe Bryant è morta in un incidente di elicottero in California, nella contea di Los Angeles. Bryant era a bordo del suo elicottero privato con aaltre otto persone, tra le quali anche la figlia 13enne, oltre al pilota. Tutti i passeggeri sarebbero morti. Il velivolo ha preso fuoco una volta precipitato e inutili sono stati i soccorsi.

Insieme a lui sul velivolo anche la secondogenita dei quattro figli avuti con la moglie Vanessa, Gianna Maria, 13 anni, astro nascente del basket femminile. Di loro campeggia su tutti i siti americani l’ultima gioiosa fotografia, un recente scatto che li ritrae abbracciati e sorridenti tra il pubblico di una partita dell’Nba.

A casa, con la moglie Vanessa, restano gli altri tre figli: Natalia Diamante, Bianka Bella e l’ultimo nato Capri Kobe, di soli sette mesi. L’elicottero, precipitato nella contea di Los Angeles, stava dirigendosi alla Mamba Academy, l’accademia di basket fondata dal campione, per una mattinata di allenamenti.

L’America e l’intero mondo dello sport sono sotto shock. The Black Mamba, come era soprannominato Bryant, e’ considerato uno dei piu’ grandi giocatori di sempre, un campione assoluto, dentro e fuori dal campo. Fuori dallo Satples Center di Los Angeles, dove per cinque anni ha deliziato con la sua classe e le sue giocate i tifosi dei Los Angeles Lakers, in poche ore si e’ radunata una folla di persone. Molti i fan in lacrime davanti al maxischermo su cui campeggia l’immagine di Kobe, e davanti all’ingresso dell’arena vengono deposti fiori, biglietti di addio, candele.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here