(Photo by Fred Lee/Getty Images)

ICC nuovo format – L’International Champions Cup potrebbe essere investita da una vera e propria rivoluzione. Come svelato dal “New York Times”, il celebre torneo estivo potrebbe cambiare volto per trasformarsi in una competizione “più seria”, che porti profitti anche agli organizzatori e non soltanto ai club partecipanti.

A tal proposito, Stephen M. Ross – cofondatore di RSE Ventures, azienda che controlla la ICC – è volato a Parigi questo mese per parlare con i leader dei maggiori club europei. La spesa per il torneo è cresciuta fino a 100 milioni di dollari, senza che l’investimento desse però i profitti desiderati.

Se da un lato l’ICC ha consentito di attirare una grande quantità di pubblico, dal punto di vista dei partner commerciali e degli investimenti dei broadcaster le cose non sono andate come si sperava. Trattandosi di un torneo estivo, le società sfruttano l’occasione per provare nuovi giocatori e soluzioni diverse per la stagione, sacrificando a volte i grandi nomi e contribuendo a ridurre l’appeal della manifestazione.

Da qui l’idea di Ross di rendere il torneo una sorta di “Champions League in toru”, con la tensione e la competitività – nelle dovute proporzioni – che contraddistinguono la massima competizione calcistica europea per club. Così i club potrebbero incassare ancora più soldi, e allo stesso tempo l’organizzazione vedrebbe ripagato il proprio investimento.

Il viaggio di Ross è servito anche per organizzare un incontro con la UEFA. Gli organizzatori dell’ICC vogliono assicurarsi il sostegno dell’organo di governo del calcio europeo per qualsiasi nuovo evento, avendo la UEFA come partner o garantendosi lo sfruttamento del marchio per dare al torneo quello sfarzo e quell’importanza tanto desiderati.

Le difficoltà sono diverse, a cominciare dal fitto calendario calcistico che si potrebbe scontrare con i piani delle grandi leghe calcistiche e con FIFPro, il sindacato dei calciatori. Tuttavia, i club avrebbero dato il loro ok all’istituzione di un tavolo di lavoro congiunto con Relevent per capire se si possa organizzare un nuovo evento di alto profilo nel calendario sempre più affollato del calcio globale.

In ogni caso, secondo il NYT, per guadagnarsi il “marchio” UEFA, l’ICC dovrebbe comunque modificare il suo modello organizzativo a invito. Stando a una fonte informata sulla questione, i club dovrebbero essere considerati in base al merito, piuttosto che sulla base di fattori quali la commerciabilità e le dimensioni delle loro fan base.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO