(Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Aumento di capitale Juventus – La Juventus vara il piano di sviluppo per il triennio 2019/20 – 2023/24 e lancia un aumento di capitale da massimi 300 milioni di euro finalizzato a supportare le azioni strategiche previste dal piano.

«Il consiglio di amministrazione della Juventus», fa sapere il club bianconero in una nota, «ha approvato il Piano di sviluppo per gli esercizi 2019/20 – 2023/24 che delinea le linee strategiche ed operative per la gestione e lo sviluppo della Società».

Aumento di capitale Juventus – Le linee guida del Piano di sviluppo

Il Piano di sviluppo, continua il comunicato del club presieduto da Andrea Agnelli, è stato definito tenendo conto dei seguenti principali obiettivi:

1. Mantenimento della competitività sportiva

I risultati sportivi registrati nel periodo 2010/2018 hanno ricollocato Juventus ai vertici italiani e internazionali, confermando la centralità dell’elemento sportivo nella crescita della Società anche dal punto di vista economico e finanziario.

Juventus è oggi tra i club più importanti nel mondo e dispone di un brand a rilevanza globale in un contesto, quello del calcio professionistico di alto livello, che registra una progressiva polarizzazione con pochissimi club in grado di competere per vincere in ogni competizione. Al fine di consolidare questa posizione, il Piano prevede l’attuazione di campagne trasferimenti caratterizzate da un’attenta e disciplinata gestione delle operazioni di investimento e disinvestimento con l’obiettivo di mantenere un adeguato livello qualitativo della rosa e garantirne nel tempo il necessario ricambio generazionale.

2. Incremento dei ricavi operativi e della visibilità del brand Juventus nei mercati internazionali

La Società si propone di incrementare ulteriormente i ricavi operativi e di migliorare la propria redditività, rendendola allo stesso tempo meno sensibile all’andamento dei risultati sportivi.

A tal fine, il Piano prevede la prosecuzione della strategia commerciale di valorizzazione del brand Juventus, avviata nel 2017 con il lancio del nuovo logo, soprattutto attraverso investimenti nelle attività caratteristiche ed in progetti per lo sviluppo dei mercati chiave a livello internazionale.

 

3. Consolidamento dell’equilibrio economico e finanziario

Per mantenere nel tempo l’equilibrio economico e finanziario della Società, Juventus si pone come condizioni fondamentali: i) la capacità di competere ad alto livello, sia in Italia che in Europa, ii) un approccio dinamico alle campagne trasferimenti calciatori per cogliere opportunità di valorizzazione e di investimento e, iii) l’incremento dei ricavi, nonché un attento controllo dei costi operativi. L’obiettivo fondamentale del Piano è di attuare un modello di sviluppo sostenibile che consenta di mantenere standard elevati di risultati sportivi, senza pregiudicare l’equilibrio economico e finanziario della Società.

L’operazione di aumento di capitale proposta dal Consiglio di Amministrazione si inserisce nell’ambito delle azioni previste dal Piano. In particolare, l’organo amministrativo ha deliberato di sottoporre all’Assemblea straordinaria dei soci l’attribuzione, ai sensi dell’articolo 7 dello Statuto sociale, al Consiglio di Amministrazione di una delega, ad aumentare a pagamento e in via scindibile in una o più volte il capitale sociale entro il 30 settembre 2020, per un importo massimo complessivo di € 300 milioni, comprensivo di eventuale sovrapprezzo, mediante emissione di azioni ordinarie prive di valore nominale e aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione da offrire in opzione agli aventi diritto, con ogni più ampia facoltà di stabilire, nel rispetto dei limiti sopra indicati, modalità, termini e condizioni dell’operazione (ivi compreso il prezzo di emissione, comprensivo di eventuale sovrapprezzo delle azioni stesse), che saranno successivamente determinate, come da prassi di mercato, nell’imminenza dell’offerta e sulla base delle condizioni di mercato prevalenti al momento dell’avvio dell’aumento di capitale.

Aumento di capitale Juventus – Gli obiettivi della ricapitalizzazione

L’aumento di capitale proposto si inserisce nelle azioni previste dal Piano di sviluppo per gli esercizi 2019/2020 – 2023/2024 ed è principalmente finalizzato a:

      • finanziare gli investimenti utili al mantenimento della competitività sportiva;
      •  sostenere la strategia commerciale per l’incremento dei ricavi e della visibilità del brand Juventus nei mercati internazionali;
      •  rafforzare la struttura patrimoniale della Società

Aumento di capitale Juventus – Gli accordi con le banche

BNP Paribas, Goldman Sachs International, Mediobanca e UniCredit Corporate & Investment Banking agiranno in qualità di joint global coordinators e joint bookrunners (i “Joint Global Coordinators”) nel contesto dell’aumento di capitale.

In data odierna, fa sapere la Juventus, i Joint Global Coordinators hanno sottoscritto con la Società un accordo di c.d. pre- underwriting, a condizioni in linea con la prassi di mercato per operazioni analoghe, ai sensi del quale si sono impegnati, a stipulare in prossimità dell’offerta un contratto di garanzia (c.d. underwriting agreement) per la sottoscrizione delle azioni di nuova emissione eventualmente rimaste inoptate al termine dell’asta dei diritti inoptati per un ammontare massimo pari alla differenza tra il controvalore complessivo dell’aumento di capitale e la quota spettante al socio di maggioranza EXOR N.V. (che detiene il 63,77% del capitale sociale di Juventus), che a sua volta si è impegnato a sottoscrivere la porzione di aumento di capitale di sua pertinenza (per un massimo di 191,3 milioni di euro su 300).

Subordinatamente all’approvazione dell’aumento di capitale da parte dell’Assemblea dei soci e al rilascio delle necessarie autorizzazioni da parte delle Autorità competenti, è previsto che l’aumento di capitale in opzione possa essere realizzato entro il primo trimestre 2020.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO MESE GRATIS ENTRO IL 6/10/2019

6 COMMENTI

  1. Andrea Agnelli e suo cugino John Elkann dovrebbero cedere la Juventus per quello che hanno fatto, a un prezzo simbolico visto che a finanziare la Juventus siano solo i tifosi.
    La Juve prima che a.agnelli ed elkann la prendessero in mano, aveva le stesse Champions e gli stessi ricavi del barcellona, gli stessi ricavi del Bayern, del Real,del Manchester United. .Sono arrivati loro, Agnelli ed Elkann ,e in quasi 15 anni hanno ridotto la Juve in una società che si arrabatta CON LE PLUSVALENZE per tirare a campare con i più bassi ricavi da stadio, da diritti tv, dagli sponsor, dal merchandising rispetto tutti i top club europei e col divario finanziario che aumenta E AUMENTERA’ ogni anno che passa .A MENO CHE SI ABBIA UNO STADIO DA 90-95 MILA POSTI E DA 500 milioni DI EURO DI SPESA come faranno real madrid e barcellona rinnovando li Camp Nou e il Bernabeu. Il Barcellona ha annunciato nel 2019/2020 un fatturato di 1 miliardo senza ancora aver ristrutturato il Campnou e la costruzione di un’area di intrattenimento che a loro volta aumenteranno a dismisura i ricavi rispetto la Juventus,il progetto Espai Barça.
    Il Barcellona ha annunciato nel 2019/2020 un fatturato di 1 miliardo senza ancora aver ristrutturato il Campnou e la costruzione di un’area di intrattenimento che a loro volta aumenteranno a dismiura i ricavi,il progetto Espai Barça. Il Barcellona ammodernerà e amplierà il CampNou con 550-600 milioni di investimento, partendo già da ricavi(1 miliardo di euro ) che sono oltre circa il doppio della Juventus anche Lei costruirà un albergo di un altro livello rispetto il JHotel per intercettare turisticamente ancor più tutti coloro che vanno a Barcellona .Lo stesso progetto più o meno simile, è già in costruzione dal Real Madrid. Il Barça, Poi costruirà un nuovo palazzetto dello sport da 20 mila posti,il nuovo centro sportivo,un parco di intrattenimento che renderà 100 volte tanto il JVillage

    Ragazzi la Juventus finanziariamente ha 464 milioni di indebitamento e sarà costretta entro questo esercizio a cedere giocatori di qualità senza poterli sostituire. FATE IL CONFRONTO COL BAYERN MONACO. 750 milioni di fatturato per il 2018.2019 senza plusvalenze. Ha una delle squadre più giovani d’Europa tra le Top, ha l’allianz Arena costata 340 milioni di euro che è un emblema turistico in Europa , ha ZERO INDEBITAMENTO.Questo per valutare in che modo scandalosamente inadeguato viene gestita la Juventus da persone con capacità inadeguate e senza lungimiranza e fare il confronto.

    Lo stadio incrediiblmente da soli 41 mila posti favorisce il bagarinaggio. Oggi e da qualche anno solo chi ha molti soldi e viene da fuori si può di seguire la Juve allo stadio in casa. Florentino Perez anche lui denunciò gli ultras ma ha investito e sta investendo 600 milioni nel Bernabeu. Il presidente Agnelli deve fare mea culpa se all’estero la Real Sociededad ristruttura uno stadio con 41 mila posti come la Juventus. Gli abbonamenti allo juventus stadium si esauriscono in pochi giorni., ci sarebbe richiesta per 80 mila posti ovvero abbonamenti + biglietti. Io da tifoso è su questo che vorrei risposte dal Presidente.La società ha fatto benissimi a denunciare gli ultrà bagarini che mettono anche in vendita il “loro” merchandising foori lo stadio da 30 anni
    Lo stadio incredibilmente di soli 41 mila posti ha l’effetto di esaurire i posti in abbonamento dopo pochi giorni e favorisce il bagarinaggio degli ultras. Solo una proprietà miope come quella della Juventus poteva far costruire uno stadio da 41 mila posti per la squadra nettamente più tifata di Italia.

  2. A. Agnelli e suo cugino John Elkann dovrebbero cedere la Juventus per quello che hanno fatto, a un prezzo simbolico visto che a finanziare la Juventus siano solo i tifosi.Sono riusciti a raggiungere un indebitamento di quasi 500 milioni solo per l’acquisto di giocatori e stipendi sbagliati non costruendo uno stadio da 1 miliardo di euro come ha fatto il Tottenham e come faranno Real Madrid e Barcellona. De Laurentiis se avesse pagato determinati giocatori come ha fatto la Juve sarebbe andato in bancarotta.E non facciamo il confronto col Bayern Monaco che non ha 1 euro di debito e ha uno stadio fantastico e giocatori fantastici

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here