San Siro (Photo by Dan Istitene/Getty Images)

«Non metto pressione, ma il tema non può restare troppo a lungo sul tavolo». Il sindaco di Milano torna a parlare del tema stadio, come riporta Tuttosport, e lancia messaggi a Inter e Milan.

«I tifosi sono disorientati. Inter e Milan hanno due proprietà importanti che però devono molto al pubblico», le parole del primo cittadino milanese. «Lasciamo che finisca la stagione, Inter e Milan ora pensano alla qualificazione Champions. Progetti? Non ne ho ancora visti», ha concluso Sala a Tuttosport.

 

Sul tema stadio è intervenuto anche Paolo Maldini, intervistato da DAZN (CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS): «Ci vorrà magari un po’ di tempo, ma l’idea è di avere uno stadio di proprietà, magari assieme all’Inter ma di altissimo livello, insomma è un progetto a lunga scadenza».

Tuttavia il tema è ancora sul tavolo, ma senza alcun progetto ufficiale ancora presentato dalle due società: le prime indiscrezioni parlavano di inizio maggio come data di presentazione dei piani da parte di Inter e Milan, ma ormai si va verso fine mese.

Le idee comunque sembrano non essere cambiate, con i lavori del nuovo stadio in tre fasi: prima la costruzione del nuovo impianto nell’area dove oggi sorgono i parcheggi, con lavori che dureranno circa tre anni dall’ultimo via libera burocratico, mentre Inter e Milan continueranno a giocare a San Siro; poi toccherà alla demolizione del Meazza, per la quale dovrebbero servire circa sei mesi; infine, la costruzione delle aree commerciali e dei nuovi parcheggi, per cui saranno necessari altri due anni e mezzo. Complessivamente, serviranno quindi circa sei anni per vedere completati tutti i lavori.

SEGUI L’ULTIMA GIORNATA DI SERIE A SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS

1 COMMENTO

  1. Tra 20 anni saremo ancora qui a parlare del nuovo stadio di Milan e Inter. Progetti, plastici, diorami, scarabocchi su tovaglioli, dichiarazioni da bar, ecc… il tutto condito da delibere sul nulla non vincolanti da parte di Comune, Provincia e Regione. È il paese che ci meritiamo, è la classe politica che ci meritiamo.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here