workshop ECA risorse umane San Siro
Esterno dello Stadio di San Siro (Foto Image Sport / Insidefoto)

L’idea al vaglio di Milan e Inter di costruire un nuovo e moderno stadio condiviso che prenda il posto di San Siro ha diviso i tifosi delle due squadre milanesi e più in generale gli appassionati di calcio, tra coloro che sono favorevoli alla realizzazione di un nuovo impianto e coloro che, invece, vedono come un sacrilegio procedere all’abbandono e alla demolizione di un’icona del calcio mondiale quale San Siro.

Un dilemma (affrontato di recente anche nella rubrica Calcio e Finanza sul Foglio Sportivo) di fronte al quale si sono trovati nel passato più o meno recente anche altri blasonati club, come Arsenal, Liverpool, Real Madrid e Barcellona, ma anche la Football Association, la federcalcio inglese cui fa capo la proprietà del mitico Wembley.

Ebbene, dall’Inghilterra alla Spagna, non esiste una ricetta applicabile a tutti i contesti. Quando nel 2003 il vecchio Wembley, lo stadio dove la nazionale inglese ha conquistato la coppa del Mondo del 1966, venne raso al suolo, i nostalgici insorsero gridando al sacrilegio del tempio.

tottenham wembley 2017 2018
Lo stadio di Wembley (foto Insidefoto.com)

Un tempio che è però stato poi ricostruito con criteri di un moderno impianto, diventando, con il suo arco illuminato che sovrasta il terreno di gioco da curva a curva, uno dei nuovi simboli di Londra.

Più drastiche invece le soluzioni adottate, ad esempio, dall’Arsenal, il club di cui l’attuale ad del Milan, Ivan Gazidis, è stato CEO per dieci anni, e dal Tottenham.

Entrambi i club londinesi hanno demolito i vecchi impianti per costruirsi una nuova casa.


Nel 2006 il vecchio Highbury, storica casa dei Gunners, ha lasciato spazio a un quartiere residenziale che è servito per finanziare la costruzione dell'Emirates Stadium.

L'Arsenal Stadium, più noto con il nome di Highbury, fu l'impianto interno della squadra di calcio inglese dell'Arsenal dal 1913 al 2006. (Foto: Wikipedia)
L'Arsenal Stadium, più noto con il nome di Highbury, fu l'impianto interno della squadra di calcio inglese dell'Arsenal dal 1913 al 2006. (Foto: Wikipedia)

White Hart Lane, costruito nel 1899, è stato demolito invece nel 2017, con il Tottenham che dovrebbe entrare a breve nella sua nuova casa (nell'ultimo anno e mezzo gli Spurs hanno giocato proprio a Wembley).

Chi invece non ha rinunciato alla storia sono stati Liverpool, Real Madrid e Barcellona.

L’importanza storica dello stadio di Anfield Road con la mitica curva della Kop, il memoriale per le 96 vittime di Sheffield, il cancello con la scritta «You’ll never walk alone», hanno avuto un ruolo chiave nella decisione del Liverpool di non costruire una nuova struttura, ma intervenire su quella esistente.

Stessa soluzione scelta da Real Madrid e Barcellona, che procederanno a una completa ristrutturazione del Camp Nou e del Santiago Bernabeu.

Nuovo stadio Bernabeu
Come sarà lo stadio Bernabeu dopo la ristrutturazione

E a Milano? Potrebbe essere trovata una soluzione di compromesso. Il Comune di Milano sta spingendo affinché, in caso di demolizione di San Siro, il nuovo stadio sorga sull'area del vecchio ippodromo del trotto, accanto al Meazza. Insomma il nuovo stadio sarebbe comunque a San Siro.

SEGUI LE PARTITE DELLA SERIE A SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

2 COMMENTI

  1. nuovi stadi assolutamente. Capisco che gli impianti di oggi sono nei cuori di molti tifosi e appassionati di calcio, ma da un punto di vista economico (ricavi/costi) vanno completamente rifatti. Io sono a favore della costruzione ex-novo di tutti gli stadi italiani. cerchiamo di non mettere la solita pezza all’italiana. oggi uno stadio deve avere servizi, avere un offerta, generare ricavi, deve avere al centro il tifoso perchè è il tifoso che spende i soldi all interno della struttura stessa. Non possiamo piu pensare di aprire l ostadio una volta ogni 15giorni per la partita di campionato. lo stadio è un azienda, deve essere aperto tutta la settimana o più giorni possibili e rispondere a vari stakeholders!!Non più stadi finializzati solo alla partita della domenica ma a stadi polifunzionali, flessibili e versatili!!Grazie.

  2. chi parla di stadio da 60 mila posti mezzo vuoto a Torino non sa di che parla, ci sono i fatti, la realtà che conta!! A Torino andrebbe bene uno stadio da 85 MILA POSTI.
    La Juve in pochi giorni esaurisce 30 mila abbonamenti e mette il tetto a 30 mila perchè appunto lo stadio è troppo piccolo! Il Barcellona in ogni partita non importante ha migliaia di posti invenduti ma questo non conta perchè conta riempirlo quelle volte che serve per avere grandi incassi. E cosi il camp nou verrà ampliato ancora a 105 mila posti nonostante lo stadio non sia saturo. La stessa cosa accadrà a Madrid per il Bernabeu

Rispondi a Ettore Franchini Cancella risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here