programmazione weekend DAZN
Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala (Foto Image Sport / Insidefoto)

Semestrale Juventus al 31 dicembre 2018 – La Juventus ha chiuso il primo semestre dell’esercizio 2018-2019 con un utile di € 7,5 milioni che evidenzia una variazione negativa di € 35,8 milioni rispetto all’utile di € 43,3 milioni dell’analogo periodo dell’esercizio precedente.

Tale variazione negativa, spiega la società bianconera in una nota, deriva principalmente da minori proventi da gestione diritti calciatori per € 17,9 milioni, maggiori costi per personale tesserato per € 38,2 milioni, maggiori ammortamenti e svalutazioni sui diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per € 24,7 milioni, maggiori acquisti per prodotti destinati alla vendita per € 6,3 milioni, maggiori altri oneri per € 2,8 milioni, maggiori costi per servizi esterni per € 3,3 milioni, maggiori imposte correnti per € 1,5 milioni, nonché da maggiori costi per il personale non tesserato € 1,5 milioni.

Tali variazioni sono state parzialmente compensate da maggiori ricavi operativi per € 57,5 milioni e minori oneri da gestione diritti calciatori per € 4 milioni. Ulteriori variazioni hanno riguardato minori proventi finanziari netti per € 0,3 milioni, maggiori accantonamenti per € 0,9 milioni, nonché altre variazioni nette positive per € 0,1 milioni.

semestrale juventus al 31 dicembre 2018

Semestrale Juventus al 31 dicembre 2018 – La situazione patrimoniale e finanziaria

Il patrimonio netto al 31 dicembre 2018 è pari a € 79,5 milioni, in aumento rispetto al saldo di € 72 milioni del 30 giugno 2018 per effetto dell’utile del semestre (€ +7,5 milioni).

L’Indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2018 ammonta a € 384,3 milioni (€ 309,8 milioni al 30 giugno 2018).

Il peggioramento di € 74,5 milioni è stato determinato dagli esborsi legati alle campagne tTrasferimenti (€ -119 milioni netti), dagli investimenti in altre immobilizzazioni (€ -3,3 milioni), dagli investimenti in partecipazioni (€ -0,5 milioni) e dai flussi delle attività di finanziamento (€ -3,6 milioni), effetti parzialmente compensati dai flussi positivi della gestione operativa (€ +51,9 milioni).

Semestrale Juventus al 31 dicembre 2018 – Il mercato di gennaio

Le operazioni perfezionate nella seconda fase della campagna trasferimenti 2018-2019, svoltasi dal 3 gennaio al 31 gennaio 2019, hanno comportato complessivamente un decremento del capitale investito di € 3,9 milioni derivante da acquisizioni ed incrementi per € 15,3 milioni e cessioni per € 19,2 milioni (valore contabile netto dei diritti ceduti).

Le plusvalenze nette generate dalle cessioni ammontano a € 36,8 milioni e le acquisizioni temporanee nette hanno consuntivato oneri per € 0,6 milioni.

Tali operazioni generano complessivamente un effetto finanziario, inclusi gli oneri accessori, nonché gli oneri e proventi finanziari impliciti su pagamenti e incassi dilazionati, positivo per € 34,5 milioni così ripartito: € -1,7 milioni nell’esercizio 2018-2019, € 8,7 milioni nell’esercizio 2019-2020, € 10,1 milioni nell’esercizio 2020-2021, € 10,4 milioni nell’esercizio 2021-2022 e € 7 milioni nell’esercizio 2022-2023.

Semestrale Juventus al 31 dicembre 2018 – Le previsioni per l’intero esercizio

L’esercizio 2018-2019, attualmente previsto in perdita, sarà come di consueto fortemente influenzato dall’andamento dei risultati sportivi ed in particolare della UEFA Champions League.

7 COMMENTI

  1. Andrea Agnelli non sa fare altro che appoggiare e promuovere nella Juventus i vari incompetenti cobolli, blanc secco marotta paratici ed ora Arrivabene. Basta considerare che la Juventus non ha e non ha avuto nessuna valorizzazione del brand Juve all’estero, e ora col 33enne Ronaldo cerca un affannoso inseguimento a United barcellona e real madrid che hanno piani di grande valore per lo sviluppo del brand in Asia e in Usa tra rinnovamento dei loro stadi con esborsi di 500 milioni di euro circa per campnou e bernabeu e costruzione di parchi tematici in Asia come faranno Manhcetser United e Barcellona.
    Prima che la Juve la prendessero in mano Elkann e Agnelli la Juve aveva gli stessi ricavi di Real, Barcellona, Manchester United Bayern,ecc.

    Facile e comodo prendesersela con Allegri, non è lui che ha pagato 90 milioni il 28enne Higuain, che in 5 anni non ha acquistato difensori giovani ma il solo Benatia 29enne regalando 20 milioni al Bayern. Non è Allegri che ha pagato 32 milioni Pjanic 30 milioni il 30enne Matuidi, o Bonucci 31enne per 35 milioni scambiandolo col 24enne Caldara. Non è Allegri ad aver pagato 30 milioni Cuadrado o 12 milioni DeSciglio o 22 milioni il 29enne Mandzukic. Non è per colpa di Allegri che le giovanili della Juventus non danno un giocatore alla prima squadra da oltre 10 anni…

    • mi dispiace contraddirti giovanni ma :
      cobolli / Blanc/ Secco erano stati messi da Elkann.
      Probabilmente non ti ricordi la situazione pre agnelli con allenatore del neri e Andrade, Diego, Felipe melo poulsen (preferito ad Alonso) Motta, aquilani Martinez e Tiago. devi ricordarti che la juve è stata in serie b quando le altre squadre iniziavano ad esplorare nuovi mercati. Mai come sotto l era agnelli la juve ha partecipato a tour all estero per promuovere il marchio.. in ritiro pre campionato venifa fatto a pinzolo per capirci.. e nonostante questo venne costruito lo stadio. la storia non si inventa si legge..
      Nel periodo più basso della sua storia fu deciso di costruire lo stadio ugualmente e mi ricordo benissimo che veniva sbandierato il budget per il mercato. Per il discorso giovanili ti ricordo che in serie b giocavano forse 3 giocatori venuti dalla primavera.. Pasquato, Marchisio e paro (mi pare).. e alla fine solo marchisio è emerso quindi prova ad immaginare ora con i campioni che ha la juve quanti ne possano uscire.

  2. chi parla di stadio da 60 mila posti mezzo vuoto a Torino non sa di che parla, ci sono i fatti, la realtà che conta!! A Torino andrebbe bene uno stadio da 85 MILA POSTI.
    La Juve in pochi giorni esaurisce 30 mila abbonamenti e mette il tetto a 30 mila perchè appunto lo stadio è troppo piccolo! Il Barcellona in ogni partita non importante ha migliaia di posti invenduti ma questo non conta perchè conta riempirlo quelle volte che serve per avere grandi incassi. E cosi il camp nou verrà ampliato ancora a 105 mila posti nonostante lo stadio non sia saturo. La stessa cosa accadrà a Madrid per il Bernabeu

Rispondi a Silvio Cancella risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here