Fabio Paratici
Fabio Paratici (Insidefoto.com)

Paratici Icardi – A due giorni dall’importantissima sfida di Champions League con l’Atletico Madrid, il Chief Football Officer della Juventus, Fabio Paratici, è intervenuto alla trasmissione “Radio anch’io sport” su Radio 1. Paratici ha esordito parlando appunto della competizione, e del momento dei bianconeri: «La Champions non è un’ossessione, ma uno stimolo. Noi stiamo bene, con l’Atletico saranno due partite impegnative e difficili. Ogni anno cerchiamo di essere competitivi in ogni competizione. Per vincere la Champions servono tante cose, anche un po’ di fortuna. Si deciderà sui dettagli».

La Juventus nella tana dell’Atletico Madrid: come seguire la gara

Tuttavia, Paratici spiega che non servirà questo match per definire la forza dei bianconeri in Europa: «Non credo si debba aspettare queste due partite per capire quanto vale la Juve in Europa. Negli ultimi anni abbiamo giocato due finali contro Real Madrid e Barcellona, dimostrando di giocare sempre ad alti livelli. Poi è chiaro che ogni anno ci si aspetta di più e noi cerchiamo di mantenere anche per noi stessi queste aspettative».

Il CFO della Juventus è tornato anche sulla delicata questione che coinvolge l’Inter e Mauro Icardi, ormai ex capitano della formazione nerazzurra: «Icardi? Tengo a chiarire che la nostra non era una azione di disturbo e che ultimamente non ci sono stati contatti. L’azione era informativa sulla possibilità che Icardi potesse cambiare squadra e se la Juve fosse di suo gradimento: non è stata un’azione di disturbo ma una azione di informazione come si fa spesso con tanti giocatori durante il periodo di mercato ma tengo a ribadire che nell’ultimo periodo non c’è stato alcun contatto tra la Juventus e la signora Icardi. Siamo a febbraio – ha aggiunto Paratici –, è un giocatore dell’Inter. Abbiamo davanti un finale di stagione importante. Queste domande verranno di attualità, o no, a giugno».



In chiusura, una battuta sul tecnico Massimiliano Allegri: «I progetti son più importanti delle vittorie e delle sconfitte, lo abbiamo dimostrato da nove anni. Max fa parte di questo progetto, sono convintissimo che aldilà del risultato in Champions rimarrà ancora con noi».

SEGUI LE PARTITE DELLA JUVE SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here