compensi cda napoli
Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli (foto Insidefoto.com)

Dieci anni e undici stagioni in Serie A. Il bilancio 2017/18 del Napoli è quello del decimo anno da quando il club di Aurelio De Laurentiis è tornato nella massima serie, passando da neopromossa a certezza in zona Champions.

A livello economico, nella stagione 2007/08 la società partenopea aveva un fatturato (escluse le cessioni) pari a circa 87,2 milioni di euro. Dieci anni dopo, i ricavi nel 2018 hanno raggiunto quota 182,8 milioni euro, con una crescita del 109,7% rispetto al 2007/08.

napoli fatturato de laurentiis

Numeri spinti soprattutto dalla crescita dei diritti tv (da 43,1 a 118,7 milioni), mentre i proventi commerciali sono passati da 18,5 a 30,6 milioni (+65%) e i ricavi da stadio sono cresciuti di poco più di 4 milioni (da 14,9 a 19,0 milioni, +28%).

Il calciomercato, invece, ha portato nelle casse del Napoli quasi 290 milioni (289,9) in plusvalenze in questi anni, con una impennata dal 2014 in poi (227 milioni in 5 esercizi).

A salire sono stati anche i costi, quasi triplicati: per compensi e ammortamenti dei giocatori la società partenopea ha speso 156,6 milioni nel 2017/18 (+198% rispetto ai 52,5 milioni del 2007/08). Numeri che hanno permesso al club di De Laurentiis di chiudere l’esercizio in utile in ben otto occasioni, con un utile complessivo di oltre 114 milioni di euro.

La #TenYearsChallenge dei fatturati: ManCity e Juve al top

Una crescita in Italia seconda solo alla Juventus. I dati degli ultimi dieci anni li avevamo già analizzati qui: i bianconeri hanno guidato la crescita in Italia con una crescita del fatturato pari al +140% (da 167,5 a 402,3 milioni), seguita da Inter (+66,7%, da 172,9 a 288,2 milioni), Roma (+43%, da 175,4 a 250,8 milioni), Lazio (+23,5%, da 102,4 a 126 milioni) e Milan (+2%, 209,5 a 213,7 milioni).

Alle spalle dei bianconeri si piazzano così in partenopei in questa classifica relativa alla crescita economica, con a livello europeo un aumento a livello percentuale simile a quello di big come il Bayern Monaco. Nonostante la crescita, però, è mancato il salto di qualità dal punto di vista commerciale e delle strutture, quello che permette di competere per vincere anche dal punto di vista economico: basti pensare che i partenopei nella passata stagione hanno avuto il quinto fatturato (al netto delle cessioni) in Serie A dopo Juventus, Inter, Roma e Milan, pur chiudendo seconda in classifica.

SEGUI LE PARTITE DEL NAPOLI SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. De Laurentiis deve solo ringraziare l’incompetenza di marotta e paratici visto che da Higuain ha ricavato 90 milioni per un 28enne cifra folle per un giocatore a 2 anni peraltro dalla scadenza del contratto. Con quei 90 milioni ha rifatto la squadra e alzato leggermente gli ingaggi. E non dimentichiamo la cessione di quagliarella sempre grazie alla Juve che gli ha permesso di prendere per la stessa cifra 18 milioni Cavani poi rivenduto a 65 milioni di euro. 90 + 65 milioni e il gioco è fatto grazie a paratici e marotta

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here