bilancio FIFA VAR Mondiali 2018
Gianni Infantino, presidente della FIFA (Insidefoto)

La Fifa pensa alla rivoluzione sul mercato: regolamento più severo o addirittura addio ai prestiti.

Secondo quanto riportato da France Football, negli ultimi mesi a Zurigo, presso la sede della Fifa, sono stati organizzati diversi incontri per riformare il sistema di trasferimenti. Colloqui a cui sarebbero stati presenti non solo i vertici della Fifa come il vicepresidente Victor Montagliani, ma anche rappresentanti della FIFPro, ECA e anche alcuni ex calciatori che gravitano nel mondo della Fifa, come Boban e Van Basten.

Europei Under 19 Fase Elite sedi
I palloni della Serie A (foto Insidefoto.com)

 

Incontri che hanno portato alla stesura di undici punti relativi al sistema di trasferimenti dei giocatori, che potrebbero essere discussi prossimamente in occasione di un comitato esecutivo della Fifa (il primo è previsto per il prossimo ottobre).

Una queste misure riguarda, come detto, i prestiti: un sistema che potrebbe vedere attuata una regolamentazione più severa o, addirittura, il totale divieto. Secondo l’opinione dei vertici del calcio mondiale, quello che una volta era considerato uno strumento per far crescere i propri giovani al meglio, oggi è infatti diventato uno strumento soprattutto per garantirsi plusvalenze. Tra le principali società, France Footbal cita la Juventus (41 prestiti), seguita da Udinese (27), Chelsea (22), Manchester City (18).

diventare match analyst
(foto Insidefoto.com)

Un allarme che era stato lanciato anche dal presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin. «Qualcosa deve essere fatto. Forse non un tetto agli stipendi come nelle leghe professionistiche americane, ma ci sono misure rigorosamente sportive che possiamo prendere. Ad esempio limitando o proibendo prestiti o limitando il numero di giocatori sotto contratto», ha dichiarato Ceferin all’Equipe negli scorsi mesi. «Dobbiamo limitare i prestiti. I grandi club possono acquistare praticamente tutti, cosa che indebolisce le altre squadre. Un’altra vera aberrazione riguarda il numero di giocatori sotto contratto. Ad esempio, un club italiano ne ha 103. Anche qui possiamo impostare dei limiti», ha aggiunto Ceferin in un’intervista al quotidiano svizzero La Tribune de Geneve,

 

1 COMMENTO

  1. La finalità della proposta è meritevole. L’unico aspetto negativo è dato dal fatto che i prestiti sono spesso dei differimenti degli acquisti, che sottintendono esigenze di bilancio. Credo che per questi casi le società si muoveranno stabilendo prezzi di acquisto in stile prestito, ma con premi praticamente scontati che faranno raggiungere il valore effettivo dato al cartellino. Il problema diventa la minusvalenza iniziale, per cui tale operazione non si potrebbe fare a giugno, ma solo da luglio in poi.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here