Cosa sono le plusvalenze
(foto Insidefoto.com)

L’Uefa pensa ad un’evoluzione del fair play finanziario anche in chiave mercato. Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, la federcalcio europea ha confermato di voler rivedere alcune norme: il fair play finanziario, l’equilibrio competitivo e alcune potenziali norme sui trasferimenti sono stati infatti i tre argomenti principali affrontati oggi durante il meeting del Consiglio Strategico Calcio Professionistico (PFSC) presso la Casa del Calcio Europeo.

«A Nyon si è parlato del futuro del fair play finanziario e di una serie di nuove regole da adottare potenzialmente alla fine della stagione, per rafforzare ulteriormente il fair play finanziario e garantire la sostenibilità a lungo termine nel calcio europeo», si legge nel comunicato dell’Uefa.

Uefa (foto Insidefoto.com)

«Inoltre, le parti hanno concordato che il mantenimento dell’equilibrio competitivo deve essere una priorità per il calcio europeo. I presenti hanno discusso una serie di potenziali misure come le limitazioni al numero di calciatori in rosa e una “tassa di lusso” o “tassa sui trasferimenti” che potrebbe aiutare a risolvere problemi di squilibrio tra i club. La questione verrà affrontata nuovamente nei prossimi mesi», prosegue la nota.

«Per quanto riguarda i procuratori/intermediari calcistici, il Consiglio Strategico ha appoggiato una risoluzione congiunta per cambiare il panorama attuale aggiungendo un potenziale tetto sulle commissioni e introducendo più trasparenza/responsabilità, oltre a sanzioni adeguate in caso di violazioni. Il documento è stato preparato dai quattro principali portatori di interesse che hanno partecipato al meeting. A questo proposito, il PFSC è stato aggiornato sul lavoro della task force FIFA in ambito di riforma dei trasferimenti».

uefa diritti umani europei 2024 nazioni candidate
Il presidente della Uefa, Aleksander Ceferin (Insidefoto.com)

«Il PFSC è formato dai rappresentanti eletti dei quattro principali portatori di interesse del calcio europeo: i club, attraverso la European Club Association (ECA); le leghe, attraverso la European Professional Football Leagues (EPFL); i giocatori, attraverso la FIFPro Division Europe, e la UEFA, organo di governo del calcio europeo. Il consiglio affronta temi di importanza strategica per il calcio professionistico in Europa e li riferisce al Comitato Esecutivo UEFA».