Il museo dedicato all’ex calciatore brasiliano Pelé ha firmato un accordo con una società argentina per cercare di bilanciare le perdite finanziarie subite dalla sua inaugurazione nel 2014. Secondo quanto riportato da ‘Folha de Sao Paulo’, il sindaco della città di Santos, responsabile della gestione del museo, ha raggiunto un accordo con la società argentina ‘Museos Deportivos’, specializzata nel settore, per rilanciare la galleria dedicata al giocatore brasiliano che ha brillato con la maglia del Santos e della nazionale verdeoro.

‘Museos Deportivos’ amministra il museo dei club argentini di Boca Juniors e River Plate, così come le esposizioni di Benfica, Juventus e dello Stadio di Wembley in Inghilterra.

Con la Juventus, in particolare, Museos Deportivos ha realizzato una gallery chiamata Juve Oggi, ovvero uno spazio che celebra i giocatori bianconeri del presente attraverso interattività, tecnologia ed effetti speciali.

“La rivalità è strettamente calcistica. Nei progetti di questa natura ciò che conta davvero sono le qualità di ogni artista”, ha detto Daniel Gazzo, Ceo di ‘Museos Deportivos’. La mostra permanente dedicata a “O Rei”, è stata inaugurata a giugno 2014 durante l’ultima Coppa del Mondo giocato nel paese sudamericano.

Da allora il museo subisce perdite economiche e l’anno scorso era al sesto posto tra le attrazioni turistiche più visitate a Santos. “Abbiamo visto che il museo ha perso terreno rispetto ad altre attrazioni della città. Eravamo in un momento difficile e ci siamo convinti ad iniziare questo progetto”, ha detto Rafael Leal, segretario della cultura della città.

Pelé ha brillato con la maglia del Santos tra il 1956 ed il 1974, club in cui ha giocato 1116 partite ed ha segnato più di mille gol. E’ stato campione del mondo con il Brasile nel 1958, nel 1962 e nel 1970. Si è ritirato nel 1977 dopo due stagioni nei New York Cosmos.