Alessio Romagnoli (Insidefoto.com)
Alessio Romagnoli (Insidefoto.com)

Impatto cessione Romagnoli su bilancio Milan – Dopo la prima offerta da 25 milioni di euro, rispedita al mittente dalla dirigenza rossonera, il Chelsea starebbe preparando una nuova proposta, da formalizzare nelle prossime ore, per portare Alessio Romagnoli alla corte di Antonio Conte. La nuova offerta, secondo quanto riferito dalla stampa, si aggirerebbe questa volta attorno ai 35 milioni di euro.

Il Milan non sarebbe tuttavia intenzionato ad ascoltare le sirene londinesi. Dagli ambienti rossoneri, scrive il sito della Gazzetta dello Sport, filtra chiarissima l’intenzione di blindare l’ex difensore della Roma. In questo momento la linea del Milan appare però solida: Galliani non tentenna affatto e non ha nessuna intenzione di offrire neppure una minima speranza ad un’eventuale cessione.

Le ragioni non sono solo di natura sportiva. Dal punto di vista tecnico Romagnoli è uno dei pochi giovani di prospettiva nell’attuale rosa del Milan. Acquistato lo scorso anno dalla Roma, Romagnoli, che compirà 22 anni il prossimo gennaio, non è solo al centro del progetto tecnico di Vincenzo Montella, ma rappresenta un patrimonio anche del Milan del futuro.

Ma anche dal punto di vista economico una cessione di Romagnoli per le cifre indicate finora non porterebbe grandi benefici al bilancio del Milan. Vediamo il perché nella simulazione di Calcio e Finanza.

Romagnoli è stato pagato dai rossoneri 25 milioni di euro (più 250 mila euro di commissioni). Il costo storico del giocatore è pertanto di 25,25 milioni. Al netto dell’ammortamento del secondo semestre 2015 (2,525 milioni) e del primo semestre 2016 (2,525 milioni) il valore di carico del difensore nei conti del Milan è dunque di 20,2 milioni.

Ma va considerato anche un altro elemento. Gli accordi sottoscritti lo scorso anno al momento del passaggio di Romagnoli dalla Roma al Milan prevedono infatti che in caso di cessione a titolo definitivo del difensore i giallorossi percepiscano dal club di via Aldo Rossi un importo pari al 30% del valore eccedente 25 milioni di euro. Quindi in caso di cessione a 35 milioni, questo valore sarebbe pari a 10 milioni (35 – 25 = 10), di cui la Roma avrebbe diritto al 30% (3 milioni).

romagnoli, impatto eventuale cessione sui conti del Milan
Impatto cessione Romagnoli su bilancio Milan

Una cessione a 35 milioni, pertanto, si tradurrebbe in un incasso di 32 milioni e in una plusvalenza di soli 11,8 milioni. Lo schema rimarrebbe il medesimo anche in caso di offerte a cifre superiori.

4 COMMENTI

  1. Voi siete gli stessi che descrivete il gran colpo della Juve che cedendo Zaza fa una plusvalenza da 10 milioni ? E considerate pure il vantaggio dei flussi di cassa con il pagamento rateale da 8,3 milioni l’anno che faranno i tedeschi ? Mi pare che sia un po’ sbilanciato verso i bianconeri questo vostro sito neutrale di finanza legato al calcio, magari tra i redattori ci troviamo gente che ha scritto in forzajuve.com, chissà …

  2. “Il costo storico del giocatore è pertanto di 25,25 milioni. Al netto dell’ammortamento del secondo semestre 2015 (2,025 milioni) e del primo semestre 2016 (2,025 milioni) il valore di carico del difensore nei conti del Milan è dunque di 20,2 milioni.”

    Se l’ammortamento semestrale è 2,025 mln allora il valore a bilancio sarà 21,2 mln dopo un anno.
    Se il valore id carico è 20,2 mln allora l’ammortamento semestrale sarà 2,525 mln.

    Insomma da qualche parte balla un milione.

    • Hai perfettamente ragione. Nel testo c’era un refuso. Il dato esatto è quello della tabella: nel secondo semestre 2015 (fonte bilancio Milan) l’ammortamento di Romagnoli è stato di 2,525 milioni. Per i sei mesi successivi abbiamo stimato altrettanto (considerato che l’ammortamento sui 12 mesi è pari a 25,25/5 = 5,05 milioni).
      Grazie per la segnalazione.