impatto plusvalenze bilanci serie a
Gonzalo Higuain / Insidefoto

Cala in Serie A l’impatto delle plusvalenze, ma l’estate 2016 per le cessioni è già da record.

Nei bilanci 2014/15, infatti, è sceso il peso degli affari in uscita per le società della massima serie in Italia. Complessivamente, nei conti della Serie A, le plusvalenze hanno raggiunto quota 405,2 milioni di euro. In media, 21,3 milioni per ciascuna delle 19 squadre (manca il Parma, fallito e ripartito dalla Lega Pro).

impatto plusvalenze bilanci serie a

 

Nella “classifica” delle plusvalenze (in grafica con l’asterisco chi chiude il bilancio al 31.12.2015), chi ha incassato è l’Udinese (48,3 milioni di euro, pareggiando quasi i ricavi) , seguita da Palermo (38,67).

impatto plusvalenze bilanci serie a

Si tratta della seconda percentuale più bassa negli ultimi sei anni, dietro solo al 21,32% del 2010/11: il record resta del 2012/13, con il 25,43%. Gli incassi da plusvalenze nel 2014/15, quindi, sono state circa 1/5 rispetto ai ricavi netti.

Plusvalenze, estate 2016 da record

Numeri che potrebbero cambiare nelle prossime stagioni. L’estate 2016, finora, ha infatti portato nelle casse di Napoli e Juventus due plusvalenze da record. Le cessioni di Higuain e Pogba rappresentano infatti i due addii con maggior impatto positivo sui bilanci di sempre.

impatto plusvalenze bilanci serie a

Sembrava che l’affare che ha portato Pogba al Manchester United potesse rappresentare la plusvalenza più alta di sempre, ma così non è stato, anche a causa dell’impatto della commissione per il suo agente, Mino Raiola, che ha abbassato la cifra positiva a 76,2 milioni di euro.

Il primo posto dovrebbe così rimanere nelle mani di Gonzalo Higuain e del Napoli, che tra i primi 10 affari migliori ha anche le cessioni di Cavani e di Lavezzi, entrambi al Paris Saint Germain. Tra le altre operazioni, un’altra riguarda la Juve (oltre a Pogba c’è Vidal al Bayern Monaco), tre il Milan (Shevchenko al Chelsea, Kakà al Real Madrid e Thiago Silva al Psg), una l’Inter (Ibrahimovic al Barcellona) e una anche il Palermo (Javier Pastore al solito Paris Saint Germain).

 

2 COMMENTI

  1. Caro Matteo Spaziante credo che l’articolo abbia due inesattezze in primis il Napoli mi sembra chiuda il bilancio a Dicembre. Secondo il Napoli son certo usi un criterio di ammortamento decrescente che permette di registrare quella plusvalenza “gonfiata”. La Juve essendo quotata ha un sistema di ammortamento lineare in cui nonostante Pogba sia un parametro 0 ha inserito dei costi accessori (e criteri di trasparenza nel conteggio) che, al di la della plusvalenza di Raiola non sono contemplati in quei miseri 3,7 mln di costi sottratti invece ai 90 del Napoli.

  2. La plusvalenza di pogba e’ 72,6 non 76,2…77,3-4,7 di costo residuo a bilancio..andrebbe considerato il metodo standard di quote di ammortamento con quote costanti per fare confronti seri…in questo caso per higuain sarebbe stato 90-16 cioe’ 74 milioni..anche se non sono convinto che in 3 anni il costo a bilancio di higuain sia solo di 40….visto che ci sono sempre commissioni e premi a rinnovo…er esempio il costo a bilancio di pogba non era mica 1 milione il costo dell’indennizzo al manchester…ma quasi 9 milioni….soldi dati a raiola negli anni… Altrimenti la plusvalenza per pogba sarebbe stata di 76,3….il sistema del napoli da maggiori plusvalenze ma crea un appesantamento del bilancio in caso di ascquisti costosi nuovi…..

Rispondi a luca Cancella risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here