dove vedere Francia-Olanda Tv streaming
Paul Pogba con la maglia della Francia (Insidefoto)

Paul Pogba è il calciatore più pagato di tutta la Premier League, con lui sul podio ci sono Wayne Rooney e Zlatan Ibrahimovic. Tutti del Manchester United di Josè Mourinho. A stilare la top ten dei paperoni d’Inghilterra è il Daily Mail che mette in ordine gli incassi dei migliori calciatori, in attesa del rinnovo di Sergio Aguero con il City che dovrebbe arrivare presto e che potrebbe incidere pesantemente sulla classifica. Il freschissimo numero sei del Manchester United guadagnerà fino al 2021 290mila sterline a settimana (338 in euro), Rooney 260 e Ibra 250.

L’ex Juventus ha siglato un contratto che lo lega allo United per cinque stagione, ma esiste l’opzione di rinnovare l’accordo per una sesta annata: se dovesse restare a Manchester tutti questi anni, Pogba dovrebbe intascare, secondo queste stime, 90 milioni di sterline in totale, cioè 105 milioni di euro al cambio attuale. Solo di ingaggio: a questo bisogna aggiungere 6-7 milioni di diritti di immagine e 5 milioni che gli garantisce annualmente lo sponsor, Adidas. Il Daily, per rendere l’idea, ha paragonato lo stipendio di Pogba a quello della neo inquilina di Downing Street, Theresa May: il premier britannico dovrebbe lavorare “629 anni” per eguagliare i sei anni da Red Devil del francese.

Certo, il salario di Pogba è ‘basso’ rispetto a quello di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, ma in UK non ha rivali. Dietro al podio tutto Red Devils si piazzano i citizens Aguero e Toure (240mila sterline a testa, a settimana). Sesto è Eden Hazard del Chelsea a 220mila, seguito da David Silva (200), Mesuto Ozil (190) e David De Gea (185). Chiude la top-ten Raheem Sterling che guadagna 180mila sterline alla settimana fino al 2020.

Il giornale britannico ricorda come lo United nel 2012 lasciò partire un giovanissimo Pogba perché non voleva assicurargli uno stipendio da 65mila sterline a settimana. Oggi quella cifra si è moltiplicata per quattro e probabilmente qualcuno a Manchester ci sta pensando – senza considerare il prezzo pagato per il cartellino del calciatore. Per capire quanto sia cambiato il rapporto tra le società e i giocatori, il Daily ricorda quando all’indomani del Triplete conquistato dal Manchester United nel 1999 a Roy Keane, capitano e figura carismatica della squadra, fu offerto un contratto stellare da 52mila sterline a settimana. Altri tempi.

1 COMMENTO