L’Europeo che sta per cominciare sarà uno di quelli più visti di sempre. Saranno infatti 205 i paesi collegati, con ricavi importanti per l’Uefa.

La Federcalcio europea, infatti, si aspetta di incassare 2 miliardi di euro complessivi in ricavi: 400 milioni dalle sponsorizzazioni, 500 milioni dalla vendita di biglietti e hospitality ma soprattutto un miliardo dalla vendita dei diritti televisivi.

diritti tv euro 2016

La fetta più grossa infatti arriverà senza dubbio dalle televisioni, che porteranno le gare di Euro 2016 in 205 paesi diversi, dall’Afghanistan allo Zimbabwe (per restare in ordine alfabetico). Saranno invece 110 le emittenti collegate con le partite in Francia: molte infatti trasmetteranno in più di una nazione, nonostante in alcuni casi ci siano più di una tv per paese (come l’Italia, visto che le sfide dell’Europeo saranno trasmesse da Rai e Sky). Secondo la Uefa, saranno circa 150 i milioni di spettatori che guarderanno ciascuna partita in diretta: per Euro 2012 il totale si assestò sugli 8,1 miliardi di spettatori complessivi.

Diritti tv Euro 2016, i costi in Italia

Per rimanere all’Italia, il costo complessivo dei diritti televisivi per Euro 2016 si dovrebbe aggirare sui 100 milioni di euro: 75 dei quali versati dalla Rai, il resto da Sky, con la tv satellitare che così spendere circa 500mila euro per ciascuno dei 51 match che manderà in onda.

Non solo impatto importante per l’Uefa, però. Perché in Francia sono attesi circa 2,5 milioni di tifosi solamente allo stadio, di cui 1,5 stranieri, che dovrebbero spendere 1 miliardo di euro nel corso del torneo. Per fare un paragone, nel 2012 il totale fu di 1,4 milioni di tifosi. Con un impatto economico, secondo il Centro per il Diritto e l’Economia dello Sport di Limonges, di circa 1.266 miliardi di euro per tutto il Paese. La maggior parte spesa dagli spettatori stranieri, che dovrebbero arrivare a ben 788 milioni di euro, pari al 62% dell’impatto economico totale.

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here