Stipendi tagliati Manchester United senza Champions League. I giocatori del Manchester United saranno costretti a subire un taglio dello stipendio se non si qualificheranno per la prossima Champions League. I giocatori e lo staff tecnico stando agli accordi collettivi con il club potrebbero perdere circa 14 milioni di sterline se non finiranno tra le prime quattro della Barclays Premier League in questa stagione. Il che significa all’incirca mezzo milione di sterline a giocatore ovvero quasi 623 mila euro al cambio corrente.

Come noto ieri la Premier League ha visto il Leicester qualificarsi matematicamente alla Champions League dell’anno scorso. Per il Manchester United ora la corsa da fare è sul Manchester City e sull’Arsenal.

A rivelare la notizia è il “Fink Tank” del Times, che calcola anche in base al calendario del Manchester United che i Red Devils ora hanno una probabilità su quattro (28 per cento) di giocare nella prossima stagione di Champions League.

La maggior parte dei giocatori dello United è stata sottoposta a due livelli di pagamento al momento di firmare il contratto. Tutti i giocatori ricevono un pacchetto di stipendio standard quando firmano il contratto, ma se il club si qualifica per la Champions League scata il regime definito “standard più”. Si tratta in questo caso di un trattamento diverso rispetto ai premi a risultato, che sono un’altra cosa e non fanno parte dell’inquadramento salariale.

Lo United ha introdotto il regime dopo la partenza di Sir Alex Ferguson, forse intuendo che la qualificazione Champions League non sarebbe più stata garantita, come del resto è successo il primo anno e potrebbe succedere anche ora.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here