Ricavi Inter, le indiscrezioni sull’accordo tra nerazzurri e Pirelli per quanto riguarda lo sponsor di maglia (assieme alla conclusione del calciomercato invernale 2015/16) ci offrono l’occasione per aggiornare le nostre stime sui conti del club presieduto da Erick Thohir per l’esercizio in corso e per quello 2016/17. Per il momento ci concentreremo prevalentemente sulla stima dei ricavi, mentre ai costi sarà dedicato un focus approfondito nei prossimi giorni.

Partiamo dai ricavi da sponsor e commerciali. Nella elaborazione realizzata da CF – Calcioefinanza.it il club nerazzurro dovrebbe passare dai 41 milioni della scorsa stagione ai 46 del 2016: merito soprattutto dell’aumento dei proventi in arrivo da Infront, che andranno a colmare la diminuzione degli introiti previsti da Nike (e poi da Pirelli, ma ne parliamo sotto). L’accordo con l’azienda guidata in Italia da Marco Bogarelli prevede infatti una crescita di anno in anno, passando dai 16 milioni del 2014/1 ai 19,5 milioni del 2015/16, per poi alzare ancora il contributo minimo garantito dai 22,5 milioni del 2016/17 ai 25 del 2017/18. Dallo sponsor tecnico invece l’Inter ha ricevuto i ricavi maggiori nella stagione 2013/14 (21,3 milioni) per poi scendere a 14 nel 2014/15 e a 11 milioni nel 2015/16 (così come nel 16/17 e 17/18).

Ricavi Inter, la stima degli introiti da sponsor e commerciali
Ricavi Inter, la stima degli introiti da sponsor e commerciali

La stessa Infront provvederà anche a colmare le lacune relative allo sponsor di maglia nelle prossime stagioni. Stando alle ultime indiscrezioni, infatti, il rinnovo con Pirelli è cosa fatta: si parla di un accordo da circa 10 milioni annui (più bonus) fino al 202, come confermato dalla stessa società nerazzurra con un comuicato in cui si parla di “intesa a lungo termine, della durata di 5 anni, e comprenderà una componente fissa e una variabile in base ai risultati sportivi raggiunti”.

Una sponsorizzazione che pare comunque al ribasso, visto che nella annata in corso l’azienda dei pneumatici garantisce ancora 13,2 milioni. E sarebbe una differenza non da poco anche rispetto alle stime della società stessa, che nel piano industriale al 2021 (preso come riferimento in tutte le ultime operazioni straordinarie che hanno riguardato l’Inter) aveva indicato in 18 milioni la cifra da ricevere dallo sponsor di maglia per il 2016/17.

Per questo per il bilancio al 30 giugno 2017 abbiamo previsto due diversi scenari: nel primo l’ipotesi è che l’accordo con Pirelli sia stato fatto alle cifre delle ultime notizie (10 milioni annui), nel secondo invece abbiamo ipotizzato che sia siglato un nuovo contratto in linea con i target del piano. Se le indiscrezioni degli ultimi giorni saranno confermate, quindi, sarà Infront a tenere in piedi i ricavi commerciali, alla luce della diminuzione degli introiti di Nike ma soprattutto di Pirelli (a meno che i bonus non siano facilmente raggiungibili).

Marco Tronchetti Provera, Massimo Morati e il presidente dell'Inter, Erick Thohir
Marco Tronchetti Provera, Massimo Morati e il presidente dell’Inter, Erick Thohir

Ricavi Inter, la stima degli introiti da diritti tv

La fetta più importante dei ricavi, però, arriverà sempre dai diritti tv, soprattutto quelli della Serie A. Che sono destinati a crescere, in virtù del nuovo accordo tra Serie A e Sky-Mediaset 2015/2018: l’Inter così (stando alla stima di Repubblica) dovrebbe passare così dai 71,6 milioni della scorsa stagione a 83,7 milioni. Il totale per il bilancio 2016 dovrebbe aggirarsi quindi sui 99 milioni, considerando anche l’assenza di ricavi Uefa.

Ricavi Inter, la stima degli introiti da diritti tv
Ricavi Inter, la stima degli introiti da diritti tv

Per il 2017, però, la società nerazzurra spera di riavere entrate dall’Uefa. Per questo per i ricavi Inter della prossima stagione abbiamo ipotizzato sempre due scenari: il primo nel caso in cui la squadra di Mancini si qualificasse per l’Europa League (come da accordi con Goldman Sachs per il finanziamento), il secondo in caso di approdo in Champions League. La differenza non è di poco conto, visto che ballano 20 milioni circa, nonostante l’aumento degli introti dell’Europa League (nella stima valutato un percorso analogo a quello del 2014/15, con premi aumentati del 63% come comunicato dall’Uefa, mentre per la Champions sono considerati i ricavi base, cioè superamento del playoff e partecipazione alla sola fase a gironi).

Ricavi Inter, la stima degli introiti da stadio

L’entrata in Europa sarà decisiva anche per quanto riguarda i ricavi da stadio. Perché la non partecipazione all’Europa League causerà una perdita (stimata in circa 2,3 milioni) nel bilancio 2016, che in compenso beneficerà della semifinale di Coppa Italia con la Juventus (anche se prudenzialmente li abbiamo tenuti bassi).

Ricavi Inter, la stima degli introiti da stadio
Ricavi Inter, la stima degli introiti da stadio

La speranza è sempre la stessa: un ritorno almeno nel minore dei tornei continentali dalla prossima stagione, magari insieme ad una crescita degli abbonamenti. Che comporterebbe un nuovo aumento dei ricavi, da ipotetici 2,3 (quanto realizzato nel 2014/15) milioni ai 4,5 garantiti dalle 3 gare in case più la sfida dei playoff.

Ricavi Inter, per il 2016 numeri in aumento

Il dato complessivo dei ricavi Inter per il 2016, stando alle stime, sarebbe in leggero aumento: il fatturato passerebbe dai 176 milioni della scorsa stagione a 180 per quella in corso. Numeri inferiori rispetto a quanto inserito nel prospetto per i bond, che poneva il totale dei ricavi a quota 189,2 milioni.

Ricavi Inter, la stima degli introiti complessivi
Ricavi Inter, la stima degli introiti complessivi

Le stime per la stagione 2016/17, però, restano influenzate dal ritorno in Europa, che rimane fondamentale. In caso di approdo in Europa League i ricavi potrebbero crescere di altri 12 milioni circa (derivanti dall’aumento dei ricavi da diritti tv e dall’aumento dei ricavi da stadio) fino a 192 milioni, con la Champions League potrebbero salire di 40 milioni (anche senza considerare un eventuale nuovo sponsor oltre a Pirelli) superando quota 220.

Ricavi Inter, l’importanza delle plusvalenze 

Non è soltanto l’Europa, però, ad essere fondamentale. Capitolo decisivo saranno pure le plusvalenze: con i 32 milioni ricavati dai vari Kovacic, Guarin e altri nella stagione in corso, aggiunti al leggero aumento dei ricavi, l’Inter dovrebbe rientrare nel -30 imposto dalla Uefa.

Ricavi Inter, la stima delle plusvalenze
Ricavi Inter, la stima delle plusvalenze
Per il 2017, però, in base agli accordi in seguito alla sanzione per il Fair Play Finanziario l’Inter non potrà avere deficit in bilancio. Se nulla cambierà dal punto di vista dei ricavi, basandoci sulle stime di cui sopra, in caso di approdo solamente in Europa League potrebbe essere necessario un nuovo mercato come quello realizzato nella scorsa estate, con qualche cessione importante e l’ormai classico strumenti dei “pagherò”; meno complicata invece appare la strada in caso di qualificazione alla Champions, anche se comunque qualcosa in uscita resterà importante (visto che i costi pare difficile possano scendere oltre i 230 milioni). Ma nessun pericolo di portare i libri in tribunale.

4 COMMENTI

  1. L’Inter vuole aumentare i propri introiti ? E allora proponga(stessa cosa dovrebbe fare il Mlan) ai propri tifosi una polizza a vincere simile ai premi ai giocatori in caso di vittorie importanti.Il tifoso bauscia deve rendersi conto che il nuovo presidente non è Massimo Moratti e al momento nell’universo interista non si vede un sosia dell’ex presidente,ragion per cui contare sulle proprie forze è sempre la migliore delle soluzioni. Facciamo l’ipotesi che i milioni di interisti sparsi per l’Italia e il Mondo mettano assieme alcune decine di milioni di euro semplicemente usando numeri verdi e addebiti sul fisso e il cellulare(lo si fa tranquillamente con la raccolta di fondi da destinare a scopi filantropici),questi soldi potranno essere incassati dalla Beneamata solo nel caso arrivino dei trofei importanti lo Scudetto o una coppa europea anche la semplice Coppa Italia farà incassare questi soldi supplementari,in uno scenario di questo tipo assisteremo alle campagne acquisti viste negli ultimi anni oppure per agguantare questi fondi extra si farà sul serio?Per fare camminare un ciuco non c’è niente di meglio che sventolargli una carota davanti agli occhi,i tifosi non devono aspettare la grazia ricevuta come accade ora,se si vuol vincere si deve pagare per vincere,i cori delle curve contro le dirigenze sono solo patetici ragli di somari.

  2. Dare scandalo,fare clamore nel Calcio è una delle poche chiavi per avere successo,pensiamo agli eccessi sul Calciomercato che compie il Real Madrid, alle cifre spropositate che ogni anno spende in acquisizione di giocatori e ingaggi che corrisponde loro,un autentico schiaffo per chi non riesce ad arrivare a fin mese,ma i madrileni sono solo l’apice di una piramide che spende e spande soldi nel mondo del pallone,ma per quanto biasimevole sia questo atteggiamento il mondo del pallone sembra non potere farne a meno, partendo dai dirigenti e arrivando fino ai tifosi, l’andazzo è questo e bisogna uniformarsi. .La Pirelli che raddoppia nel nuovo contratto l’appannaggio della sua sponsorizzazione in caso l’Inter vinca la Champions fa solo tenerezza e fa venire il sospetto che gli addetti al marketing in area nerazzurra non sanno fare il loro mestiere e non hanno capito come gira nel Calcio.Una Pirelli che istituisce un premio a vincere di 50 100 milioni di euro per vincere la Champions con l’Inter o qualsiasi altra squadra italiana darebbe scandalo,ma quanta pubblicità attirerebbe sul proprio marchio senza doversi spendere a comprare spazi pubblicitari,i media lavorerebbero gratuitamente per lei nel commentare,stigmatizzare,divulgare un’iniziativa del genere.Dare scandalo nel Calcio conviene è un mondo che gira al contrario,un mediocre come Balotelli senza tutti i suoi colpi di testa sarebbe arrivato allo stipendio che percepisce attualmente.

Rispondi a Ricavi Inter, il contratto con ……….. | alessandro54 Cancella risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here