E’ il momento di crescere online, di fare crescere l’audience Sky online ed allora ecco una strategia a 360°. Come sempre non manca un passaggio sul calcio e allora il piatto forte diventano gli Highlights Serie A su Italiaonline, momento chiave di una alleanza che vedrà presto i contenuti di Sky sul noto portale. In passato i contatti di chi ha stretto alleanze di questo tipo con Iol sono anche decuplicati. Sky parte da una buona base e un tale moltiplicatore sarà difficile, ma gli effetti benefici si potranno comunque sentire.

Ne parla oggi Italiaoggi che torna sull’alleanza Sky – Iol già formalizzata per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria sui siti della piattaforma satellitare (in precedenza la raccolta era curata da Websystem 24 del gruppo Il Sole-24 Ore) e che ora si arricchisce di un nuovo passaggio.

Italiaonline nel 2014 aveva avuto ricavi per 95,5 milioni di euro, si appresta a chiudere un 2015 «in linea col mercato», dice il chief operating officer Gabriele Mirra, per un settore Internet che, dati Nielsen alla mano, in Italia è in calo del 4% nei primi nove mesi dell’anno.

Ma proprio negli ultimi mesi del 2015 Iol sta gettando le basi per lo sviluppo del suo business futuro: sia grazie alla partnership con il gruppo Sky, che parte dal 1° dicembre.

Sia con l’acquisizione di Seat Pagine Gialle, che porterà alla nascita di altri siti verticali dedicati al cibo, al benessere e alla casaarredamento, con una decisa spinta sull’e-commerce (novità per Italiaonline) delle piccole e medie imprese attive in questi comparti.

«Ma Iol non è una azienda che sia molto interessata a fare la concessionaria di terze parti», aggiunge Mirra, «anzi, aggregare pezzi di audience a soli fini commerciali ci creerebbe problemi di bottom line. E invece noi siamo abituati a livelli di marginalità elevati (nel 2014, per esempio, l’ebitda è stato di 34 milioni di euro e il risultato operativo di 21,8 mln su 95,5 mln di ricavi complessivi, ndr). Quindi con Sky abbiamo stretto una partnership organica ampia: Italiaonline integrerà nelle homepage dei propri portali (in primis Libero.it e Virgilio.it, ndr) una serie di contenuti premium di Sky (servizi dei tg, highlights sportivi, momenti di X-Factor, ecc, ndr) che poi potranno essere visualizzati e approfonditi sui siti verticali di Sky stesso. Inoltre, metteremo a disposizione il nostro know how nel web design, collaborando con Sky per rinnovare alcune web property del gruppo».

Già è iniziato il restyling del sito di Sky Tg 24, poi sarà la volta di quelli di Sky Sport e Sky Cinema. In questo modo i contenuti di Sky (ovviamente una parte molto selezionata e limitata) potranno essere veicolati presso l’ampia audience di Italiaonline, formata da oltre tre milioni di persone al giorno, 18 milioni al mese, e con più di 11 milioni di indirizzi di posta elettronica attivi, «dando ancor più valore alle property digitali di Sky», sottolinea Aldo Agostinelli, digital marketing and sales director di Sky Italia, «sia in termini di raccolta pubblicitaria, sia di sviluppo di prodotti innovativi per gli utenti italiani».

Tutto ciò si tradurrà in una immediata crescita delle audience dei siti di Sky (in passato altri siti, una volta appoggiatisi a Italiaonline, hanno anche decuplicato i loro contatti) e, di conseguenza, dei ricavi pubblicitari dall’online.