Quanti soldi devono spendere i club europei di bassa classifica per conquistare la salvezza ed evitare la retrocessione in seconda divisione? Secondo una rilevazione effettuata dalla società di consulenza Kpmg sui quattro principali campionati a 20 squadre nelle tre stagioni dal 2011/12 al 2013/14, per conquistare la salvezza e rimanere in Serie A sono serviti in media 51,4 milioni in termini di costi del personale (costo del personale tesserato e non tesserato). Più cara solo la Premier League dove il costo medio per non retrocedere si è attestato a 72,6 milioni, mentre la francese Ligue 1 e la Liga spagnola, viaggiano rispettivamente su una media di 20 e 14,8 milioni.

Questo, ovviamente, non significa che fare investimenti importanti, sia per quanto riguarda gli ingaggi sia per l’acquisto dei giocatori, possa portare alla certezza di raggiungere gli obiettivi prefissati, ma è evidente che avere una rosa di qualità e dunque meglio pagata può sicuramente aiutare.

Nel dettaglio Kpmg evidenzia come la Premier League sia a livello finanziario il campionato che ha generato il più importante fatturato pari a circa 3,9 miliardi di euro nella stagione 2013/2014. Non sorprende quindi constatare che si tratti anche del campionato più costoso in Europa in termini di costi totali per il personale per evitare di perdere la categoria di appartenenza.

Come mostrato nel grafico sottostante, la spesa media per il personale sostenuta dalle squadre di Premier League che hanno terminato il campionato un posto sopra la zona retrocessione è stata costantemente più elevata rispetto a quanto accade negli altri tre Paesi analizzati. Tale spesa è del 40% superiore rispetto alla Serie A e quasi cinque volte di più rispetto al campionato spagnolo nel corso dei tre anni presi in esame.

Quanto bisogna spendere per la salvezza nei principali campionati europei
Quanto bisogna spendere per la salvezza nei principali campionati europei

E’ inoltre evidente che le spese sostenute per i salari dalle squadre di Premier League nella speranza di evitare la retrocessione è cresciuto nel corso del triennio analizzato, dai 69,2 milioni di euro spesi dal Queens Park Rangers nel 211/2012 ai 78,4 milioni di euro investiti dal West Bromwich Albion nella stagione 2013/2014 (+13%).

Il divario tra la Premier League e gli altri campionati europei potrebbe però aumentare ulteriormente in seguito al nuovo accordo sui diritti tv del valore di 2,3 miliardi l’anno che entrerà in vigore dalla stagione 2015/2017, con un incremento di circa il 70% rispetto al contratto attualmente in vigore. Questo permetterà ai club di avere a dsposizione maggiori budget, e in ultima analisi, potrebbe esercitare maggiore pressione sui costi per i salari che riguardano i club che lottano per evitare la retrocessione.

La Serie A è il secondo campionato più costoso in termini di costi sostenuti per il personale da parte delle squadre che sono riuscite a evitare di retrocedere in Serie B. I club italiani che sono riusciti a restare nella massima serie nel periodo tra il 2011/2012 e il 2013/2014 hanno investito in media 51,4 milioni di euro a stagione.

Andrea Sartori, responsabile del settore sport di Kpmg, ha così voluto sottolineare i risvolti di questa analisi: «E’ molto interessante notare che nelle tre stagioni prese in esame le tre squadre italiane che sono riuscite a rimanere nella massima serie hanno generato in media un fatturato di 52,6 milioni di euro, il che mette in evidenza una forte instabilità finanziaria, visto che i loro proventi sono stati quasi completamente erosi dai costi sostenuti per gli ingaggi. Tuttavia, i dati riferiti alla stagione 2013/2014 mettono in evidenza un comportamento positivo da parte del Sassuolo che è riuscito a mantenere la categoria dopo avere speso di 10 milioni complessivi nei salari, meno rispetto ai club che si erano salvati nelle due annate precedenti».

Per quanto riguarda invece la Ligue 1 francese e la Liga spagnola si registrano costi complessivi più bassi negli ingaggi ritenuti necessari per allestire una rosa che è riuscita ad evitare la retrocessione, con una spesa che va dai 15 ai 25 milioni di euro per squadra a stagione. Il nuovo modello che sta per essere introdotto a partire dalla prossima stagione in Spagna per la vendita dei diritti tv in modo collettivo potrebbe però contribuire ad alzare la pressione per il rialzo degli ingaggi dei giocatori che militano in club che puntano a restare nella massima serie.

L’ipotesi più probabile è che la spesa da sostenere per i salari da parte dei club che riescono ad evitare la retrocessione sia confermata dai dati. Questo è evidente in Serie A dove le formazioni che sono riuscite a conservare la categoria hanno sempre investito di più rispetto a quanto fatto dalle squadre che sono poi retrocesse. Ci sono però eccezioni alla regola: in Inghilterra, ad esempio, il Queens Park Rangers è retrocesso nel 2012/2013 nonostante abbia investito il 36% in più per gli ingaggi, rispetto al Sunderland che è invece riuscito a conservare il proprio posto in Premier League.

L’analisi relativa a quanto accaduto nelle massime divisioni spagnole e francesi mette in evidenza altre situazioni interessanti, anche se non sempre i club che hanno speso di più sono stati quelli che poi effettivamente sono riusciti ad evitare la retrocessione. Ad esempio, mentre nel 2011/2012 il Granada è riuscito a rimanere nel massimo campionato con una spesa di 15,4 milioni di euro negli ingaggi, il Villareal e lo Sporting Gijon sono retrocessi anche se avevano speso il 216% e il 52% in più rispetto al Granada.

La stessa situazione si è verificata nella Ligue 1 nel 2012/2014 quando i club retrocessi Nancy-Lorraine e Stade Brestois hanno investito il 22% e il 13% in più nei salari rispetto all’Ajaccio, il club che è riuscito a conservare il suo posto nel massimo campionato.

Le eccezioni che si sono verificate in questi anni dimostrano comunque che non può esserci una correlazione diretta e precisa tra la spesa sostenuta per gli ingaggi e le prestazioni in campo. Altri fattori, come le capacità degli allenatori e le reali abilità di gioco, giusto per citare alcuni esempi, continuano a influenzare la permanenza di un club nella massima divisione.