In un periodo nel quale gli sprechi sono da evitare e la scarsa presenza di capitali sul mercato obbliga i club ad investimenti oculati, l’integrazione tra area manageriale (dirigenza, direttore sportivo e proprietà) e area tecnica (allenatore, staff e squadra) diventa sempre più prerequisito per il raggiungimento di obiettivi sportivi soddisfacenti.

Rispetto al passato, l’attenzione che le società hanno oggi verso i bilanci ed i “numeri” è notevolmente superiore. Il calcio è ora da intendersi come attività che può produrre reddito (o che almeno è in grado di sostenersi), non che assorbe solamente delle risorse.

Il mecenatismo nel calcio, se si eccettuano casi eclatanti come quello del Qatar nel Paris Saint-Germain e di Abu Dhabi nel Manchester City, sta diventando sempre più caso raro ed anacronistico (anche il Chelsea di Roman Abramovich è ormai attento ai vincoli di bilancio). Insomma, complici anche le regole sul Fair Play Finanziario, si sta verificando uno sbilanciamento, o se vogliamo un ribilanciamento, verso una gestione più oculata e corretta delle società di calcio in quanto aziende.

Secondo un modello di business sempre più orientato all’efficientamento, le parti che interagiscono massimizzare il risultato finale sono due:

  • L’area manageriale, che si occupa della definizione degli obiettivi (es. scudetto, zona Europa, media classifica, salvezza), cui fa seguito il disegno di una strategia (quasi sempre di breve periodo) e la relativa implementazione tramite investimenti (calciatori, collaboratori etc.). È chiaro che la coerenza tra obiettivi, strategie e risorse è fondamentale per raggiungere i risultati prefissati: non è pensabile vincere lo scudetto con un budget da salvezza e non è chiaramente efficiente salvarsi avendo effettuato investimenti per tentare l’ingresso in zona coppe Europee;
  • L’area tecnica, che riceve gli input della dirigenza e cerca di tradurre in fatti concreti gli sforzi effettuati dalla società per mettere a disposizione di allenatori e preparatori la rosa adatta al raggiungimento di predefiniti obiettivi.
Il dialogo tra dirigenza e area tecnica è essenziale per far rendere gli investimenti di un club
Il dialogo tra dirigenza e area tecnica è essenziale per far rendere gli investimenti di un club

Diventa sempre più importante dunque una stretta collaborazione tra queste due aree in modo da ridimensionare gli sprechi in investimenti non produttivi: in sostanza si tratta di rendere efficiente il processo “produttivo”.

Agire in maniera congiunta in sede di calciomercato permette all’allenatore di avere le risorse (i giocatori) che desidera per poter implementare la sua strategia, tramite il modulo che a suo parere può far rendere al meglio la squadra. Diventa essenziale acquisire giocatori che posseggano un profilo strategico tale da fornire un valore aggiunto superiore alla squadra.

Analizziamo l’andamento dei team che hanno partecipato a tutti i campionati di serie A negli ultimi 5 anni (2010-2015) incrociando i valori riguardanti il saldo di calciomercato nel periodo e la posizione media di classifica a fine anno (Grafico 1) in modo da valutare se esiste un’effettiva correlazione tra risultati ed investimenti (area Manageriale).

Serie A - Investimenti nel calciomercato e risultati sul campo.
Serie A – Investimenti nel calciomercato e risultati sul campo

Come si evince dal grafico la Juventus (regina delle ultime quattro stagioni in Italia) ha avuto un posizionamento finale medio migliore rispetto alle concorrenti (si è tenuto conto nell’analisi anche del 7° posto della stagione 2010-2011), ma anche avuto un saldo di periodo negativo per ben 156 milioni.

Secondo posto occupato dal Napoli, che si è meglio comportato della Roma nel periodo analizzato ed ha tuttavia speso poco più dei giallorossi (-99 contro -92 milioni). Il Milan, forte dello scudetto ottenuto nel 2011-2012 e del secondo posto nella stagione successiva precede Lazio ed Inter come media del posizionamento finale, ma spende praticamente come i biancocelesti (19 contro 18 milioni) e meno dei nerazzurri (19 contro 25 milioni).

Vere sorprese in questo grafico sono Udinese e Genoa. I friulani, che non dimentichiamo sono approdati per due anni consecutivi ai preliminari di Champions League, hanno un posizionamento medio attorno all’8° posto, ma hanno incassato 105 milioni di Euro dalle operazioni di calciomercato, producendo in sostanza sempre bilanci in utile. Il Genoa, invece, si trova con un posizionamento medio inferiore (per due anni però il grifone è stato in lotta per non retrocedere), anche se il saldo finale è positivo per 69 milioni di Euro.

Esiste dunque una correlazione fortemente positiva tra spesa e risultato? Conta solo l’area manageriale di pianificazione ed investimento? Dunque è secondaria l’importanza dell’area tecnica?

In sostanza: se l’allenatore ha a disposizione i migliori giocatori (e dunque la società investe capitali in maniera più intensa rispetto alla concorrenza), il risultato è assicurato?

In un calcio  sempre più specializzato e sempre più estremizzato dal punto di vista tattico, anche la duttilità non solo di giocatori, ma anche di allenatori e moduli, si sta sempre più rivelando mossa vincente per raggiungere determinati obiettivi.

L'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri
L’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri

Se la società trovasse un’occasione sul mercato da non lasciarsi sfuggire? Poniamo il caso della Juventus di quest’anno: Allegri ha scelto il 4-3-1-2 come modulo, ma la società chiude l’accordo con Cuadrado. Dopo aver lavorato per un mese e mezzo per mettere a punto meccanismi per un determinato sistema di gioco, l’ultimo giorno di calciomercato arriva un calciatore di prima fascia, ma con caratteristiche che non possono sposarsi con questo modulo. Che fare? Intelligentemente Allegri sa che non può rinunciare alle scorribande del colombiano, che crea superiorità numerica importante e da imprevedibilità alla fase offensiva e rimodella la sua Juventus su di lui.

Dal lato opposto però, come non citare l’approdo di Ibrahimovic a Barcelona nell’estate del 2009? Lo svedese, stella di caratura internazionale nel pieno della maturità, approda nella squadra che più di ogni altra stava segnando il calcio dell’ultimo ventennio, con in panchina un certo Pep Guardiola. Un grande attaccante, una punta centrale tecnica, ma forte fisicamente ed abile nel gioco aereo: il perfetto elemento da inserire nel collaudato meccanismo blaugrana.

E invece? La storia è nota: Ibra non si integra, la stagione non volge ad un epilogo positivo (in Champions i Barca è eliminato dall’Inter di Mourinho) e lo svedese fa il proprio ritorno a Milano, sponda Milan.

Dunque di chi è la colpa? Della società che non ha investito in un profilo corretto? Quindi strategia ed investimento sbagliato? Oppure dell’allenatore che non ha saputo sfruttare il giocatore integrandolo in maniera sinergica col resto del gruppo? Un interrogativo che in Catalogna stanno ancora cercando di spiegarsi, data la maxi-minusvalenza cui hanno dovuto far fronte.

Ricapitolando: gli investimenti in risorse per l’implementazione di strategie vincenti che sappiano portare la squadra al raggiungimento degli obiettivi prefissati mostrano un notevole grado di correlazione, ma per quanto riguarda l’area tecnica? Esiste un indicatore certo che possa confermare che un allenatore è vincente solamente se la società investe oppure, al contrario, che esistono allenatori capaci di creare un valore aggiunto superiore agli altri?

A livello quantitativo è impossibile rispondere perché alcuni elementi intangibili come relazioni personali, fiducia, comportamenti di gruppo, ambiente di lavoro, cultura del team etc., non sono misurabili in maniera oggettiva.

Tuttavia è lecito affermare che i risultati nascono dall’integrazione ottimale di queste due aree di lavoro e che non è possibile pensare a società vincenti non capaci di lavorare congiuntamente al loro interno.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here