Lazio, riapre la campagna abbonamenti. L’inizio di stagione in casa Lazio era stato certamente ben al di sototto delle aspettative visto che la squadra biancoceleste ha dovuto registrare la delusione per il mancato accesso alla fase a gironi di Champions League, ma con il passare delle settimane la situazione è decisamente migliorata e l’entusiasmo è in crescita. Proprio per questo la società del presidente Lotito ha deciso di riaprire la campagna abbonamenti con la speranza che questa operazione possa servire ad aumentare la presenza dei tifosi allo stadio.

Fino al 23 ottobre sarà quindi possibile sottoscrivere le tessere che permetteranno di assistere allo stadio Olimpico alle ultime 15 partite casalinghe di campionato. Una decisione di questo tipo è stata presa dalla società capitolina dopo la convincente vittoria di domenica contro il Frosinone, quasi un derby per i laziali, anche se una mossa di questo tipo sembrava essere quasi impensabile fino a qualche settimana fa, quando la squadra era reduce dalle scoppole contro Chievo e Napoli.

I nove punti conquistati nelle ultime tre giornate, oltre al 3-2 contro il Sant’Etienne in Europa League, hanno invece mostrato un’inversione di tendenza importanza a conferma delle buone individualità presenti in rosa che avevano permesso ai biancoazzurri di centrare il terzo posto nella scorsa stagione. Almeno per ora, però, l’affluenza all’Olimpico non è stata delle migliori: 26.800, infatti, è stato il numero del totale degli spettatori presenti nella sfida contro il Frosinone, anche se si tratta del miglior risultato stagionale, pur essendo comprensivo dei circa 4.000 tifosi ciociari arrivati per l’occasione.

Il club di Lotito si augura quindi che gli ultimi risultati positivi possano servire a migliorare il dato di 13.700 abbonamenti con cui si è conclusa la campagna, non senza qualche delusione da parte della società. Almeno sui social, però, la possibilità di sottoscrivere nuovamente la tessera per seguire le partite in casa della Lazio è stata accolta in modo positivo, non resta quindi che attendere se anche nei fatti la risposta sarà favorevole.